EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ungheria: Ilaria Salis ai domiciliari, accolto il ricorso

Una manifestazione pacifista per la liberazione di Ilaria Salis, 14 febbraio 2024, Roma
Una manifestazione pacifista per la liberazione di Ilaria Salis, 14 febbraio 2024, Roma Diritti d'autore Roberto Monaldo LaPresse via AP
Diritti d'autore Roberto Monaldo LaPresse via AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il ricorso era stato presentato dai legali di Ilaria Salis contro la decisione del giudice Jozsef Sós: nell'ultima udienza del 28 marzo le aveva negato i domiciliari sia in Italia che in Ungheria. Soddisfazione da parte dei politici italiani

PUBBLICITÀ

Accolto dal tribunale di seconda istanza ungherese il ricorso presentato dai legali di Ilaria Salis, la cittadina italiana detenuta a Budapest dal febbraio 2023 con l’accusa di aver partecipato all'aggressione di due militanti di estrema destra. 

Salis, candidata alle elezioni europeenella circoscrizione Nord-Ovest per la lista Alleanza Verdi/Sinistra (Avs), potrà lasciare il carcere e andare ai domiciliari nella capitale ungherese.

Legali Salis: domiciliari con braccialetto elettronico dopo pagamento della cauzione di 40mila euro

Il ricorso era stato presentato dai legali di Ilaria Salis contro la decisione del giudice Jozsef Sós: nell'ultima udienza del 28 marzo scorso Sós aveva negato i domiciliari alla trentanovenne milanese sia in Italia che in Ungheria

La richiesta è stata invece accolta in appello il 15 maggio: l'attivista italiana potrà lasciare il carcere a Budapest dove si trova da oltre un anno. Il provvedimento, che prevede il braccialetto elettronico per garantire il rispetto della misura cautelare, diventerà esecutivo non appena verrà pagata la cauzione pari a 40mila euro. A precisarlo i legali di Ilaria Salis. 

Domiciliari Salis: le reazioni della politica

"Candidare Ilaria Salis nelle nostre liste per le europee è stata la scelta giusta. La dimostrazione che era necessario accendere i riflettori sulla vicenda perché si arrivasse a un esito conforme allo stato di diritto", ha scritto su Facebook il capogruppo dell'Alleanza Verdi e Sinistra Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo Misto di Palazzo Madama. Soddisfazione anche da parte del ministro della Giustizia Carlo Nordio e dell'eurodeputato di Avs Massimiliano Smeriglio: "i domiciliari a Ilaria sono un'ottima notizia - si legge in una nota di Smeriglio -, premiano l'impegno e la determinazione di Ilaria, della famiglia, e la mobilitazione di tante donne e uomini che hanno permesso a questa vicenda di non essere dimenticata. Ma è solo un primo passo, ora concentriamoci sui prossimi obiettivi: l'elezione e la scarcerazione di Ilaria".

Tra le reazioni dei politici anche quella del vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani dopo il question time alla Camera di mercoledì. "Bene, gli arresti domiciliari erano quello che volevamo. Ora Ilaria Salis potrà votare tranquillamente", ha dettoTajani. Il vicepremier ha aggiunto di essere garantista e di sperare che Salis possa essere assolta e possa ritornare il prima possibile in Italia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caso Ilaria Salis, il padre al Parlamento europeo: “Non cerchiamo l'immunità”

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Negati i domiciliari a Ilaria Salis: l'insegnante di nuovo in catene in aula, Marchesi torna libero