Gaza: Stati Uniti lanciano aiuti con gli aerei, Oms nell'ospedale Al-Shifa

immagine satellitare dei camion con aiuti per Gaza
immagine satellitare dei camion con aiuti per Gaza Diritti d'autore AP/Satellite image ©2024 Maxar Technologies
Diritti d'autore AP/Satellite image ©2024 Maxar Technologies
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Dopo l'annuncio di Joe Biden, le forze statunitensi hanno lanciato aiuti umanitari ai palestinesi tramite aerei sulla Striscia. In stallo i colloqui per il cessate il fuoco. L'Oms entra nell'ospedale Al-Shifa

PUBBLICITÀ

Gli Stati Uniti hanno iniziato a lanciare aiuti umanitari per via aerea a Gaza. La notizia era stata anticipata dal presidente Joe Biden durante l'incontro con la premier italiana Giorgia Meloni a Washington.

Prima degli Stati Uniti, anche l'Egitto, la Giordania, la Francia e il Regno Unito, tra gli altri, hanno effettuato lanci aerei per superare i vincoli di trasporto israeliani e consegnare gli aiuti ai cittadini a Gaza.

Tre aerei dell'Air Forces Central hanno sganciato 66 pacchi contenenti circa 38mila pasti su Gaza. Lo hanno fatto sapere le autorità Usa alle agenzie di stampa.

L'Oms nell'ospedale Al-Shifa

Tuttavia, la capacità degli aiuti alimentari e umanitari che possono essere paracadutati non è paragonabile a quella dei convogli di camion. La situazione per i civili è disperata: l'Organizzazione mondiale per la sanità riferisce che almeno 10 bambini sono morti di fame nella Striscia dal 7 ottobre. Il direttore dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha fatto sapere che dopo più di un mese l'organizzazione è riuscita ad accedere all'ospedale Al-Shifa nel nord di Gaza per consegnare il carburante, medicinali per 150 pazienti e cure per 50 bambini affetti da grave malnutrizione acuta. "Il livello di distruzione attorno all'ospedale è al di là delle parole. Cessate il fuoco", ha scritto Tedros.

L'annuncio di Biden per l'invio aereo di aiuti è arrivato sulla scia della tragedia che ha causato la morte di oltre cento palestinesi quando un convoglio di camion che trasportava carichi umanitari è stato preso d'assalto. La parte palestinese accusa i soldati israeliani di sparare deliberatamente sui civili. L'Idf nega le accuse. Le Nazioni Unite hanno chiesto un'indagine indipendente.

Forum diplomatico internazionale e negoziati di pace

Venerdì si è aperto il Forum diplomatico internazionale, a cui partecipano anche diplomatici palestinesi. I negoziatori stanno discutendo di un possibile cessate il fuoco.

Ci sono state speranze che una sorta di tregua potesse essere annunciata per il Ramadan, che inizia il 10 marzo. In particolare, Joe Biden aveva annunciato l'aspettativa che il cessate il fuoco potesse essere attuato già "lunedì", ma durante l'incontro con Meloni ha rivisto questa previsione e ha espresso i suoi dubbi.

Inoltre, venerdì i media hanno riferito che la delegazione israeliana, che ha partecipato ai colloqui in Qatar, si è rifiutata di proseguirli fino a quando Hamas non avrà fornito un elenco completo degli ostaggi ancora vivi, anche se si tratta di informazioni non verificate.

Allo stesso tempo, Hamas ha affermato che gli attacchi aerei israeliani hanno recentemente ucciso altri sette ostaggi nella Striscia di Gaza, portando il numero delle vittime a oltre 70. "Nonostante i nostri sforzi per preservare le loro vite, sette di loro sono stati uccisi dalle armi del vostro esercito", ha scritto su X Abu Ubaida, un rappresentante delle brigate al-Qassam, ala militare di Hamas.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue chiede indagine su strage di civili in fila per il pane a Gaza, Hamas: 7 ostaggi morti nei raid

Gaza, fuoco di Israele su palestinesi in fila per gli aiuti: oltre cento morti

Israele in marcia per gli ostaggi: si negozia per tregua con Hamas e sul futuro di Gaza