Primarie Michigan: Trump batte Haley, Biden vince ma è bocciato dagli arabi-americani pro Palestina

Un cartello elettorale negli Stati Uniti
Un cartello elettorale negli Stati Uniti Diritti d'autore Paul Sancya/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex presidente repubblicano conquista le primarie del Michigan staccando la sfidante Nikki Haley di più di 40 punti. Anche Biden vince ma il voto non allineato degli arabo-americani delusi dalla politica su Gaza è un campanello d'allarme in vista delle elezioni di novembre

PUBBLICITÀ

Secondo le proiezioni ormai definitive Donald Trump ha battuto Nikki Haley, e vince le primarie in Michigan compiendo un nuovo passo verso la nomination repubblicana. Con il 71 per cento delle schede scrutinate l'ex presidente è dato al 68 per cento, con Haley staccata di quasi 40 punti.

Vittoria sicura anche per Joe Biden in campo democratico, ma il voto degli uncommitted, i non allineati, supera le aspettative degli organizzatori: con lo spoglio arrivato al 59 per cento rappresenta il 13 per cento dell'elettorato. "È un grande successo per i pro-palestinesi del nostro paese e per il movimento anti-guerra", afferma Abbas Alaeih, il portavoce di Listen to Michigan, l'organizzazione che ha promosso il boicottaggio di Biden per il suo approccio alla guerra a Gaza.

L'elettorato arabo-statunitense contro Biden su Gaza

Per il presidente il voto degli uncommitted, rappresentati soprattutto dagli arabo-statunitensi, è un segnale di preoccupazione guardando alle elezioni di novembre.

Dalla campagna di Biden cercano di rassicurare mettendo in evidenza le debolezze di Trump che, nonostante le vittorie, dimostra di non riuscire a catturare almeno il 30-40 per cento degli elettori repubblicani, quelli che in questi primi turni di primarie hanno votato per Haley. Una cifra non indifferente che potrebbe costargli la vittoria alla Casa Bianca e che, secondo gli osservatori, dovrebbe attirare l'attenzione del partito repubblicano.

Swing states: il Michigan è uno stato chiave per vincere la presidenza

Il Michigan è uno degli stati chiave nella corsa al 2024. Trump lo ha vinto nel 2016 superando di 11mila voti Hillary Clinton. Nel 2020 è stato invece Biden a conquistarlo con un margine di solo il 2,78 per cento.

Mentre la maggior parte dei cinquanta stati del Paese vota tradizionalmente in prevalenza per repubblicani o democratici, alcuni noti come swing states sono noti per consegnare i propri delegati a entrambi i partiti a seconda delle elezioni. Proprio a causa di questa mancanza di "fedeltà politica" i candidati spendono una quantità di tempo e fondi sproporzionata in questi stati, che per questo sono noti anche con il nome di battle ground states, campi di battaglia_._

Oltre al Michigan, gli stati chiave per la vittoria delle presidenziali di novembre sono il Wisconsin, la Pennsylvanya, la North Carolina la Georgia, il Nevada, e l'Arizona. Qui la vittoria alle elezioni del 2020 è stata decisa da uno scarto inferiore al 3 per cento

Nikki Haley non si ritira dalle primarie repubblicane

Pur di fronte alla nuova sconfitta Haley non arretra e ribadisce il suo impegno a restare in corsa almeno fino al Super Tuesday. "Siamo su una barca e possiamo affondare con lei e guardare il Paese andare verso la sinistra socialista o possiamo prendere il gommone di salvataggio e andare in un'altra direzione", ha detto Haley usando una metafora nel corso di un'intervista a Cnn.

Per l'ex ambasciatrice alle Nazioni Unite la strada verso la nomination repubblicana è sempre più in salita, ma la sua campagna continua a mostrarsi ottimista, convinta che i voti catturati da Haley siano la dimostrazione della spaccatura del partito repubblicano che, con Trump candidato, rischia di perdere a novembre anche di fronte a un Biden debole.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, Donald Trump vince le primarie in South Carolina: Haley battuta in casa

Usa, in Nevada nessuno vince alle primarie repubblicane: fiasco per Nikki Haley

Stati Uniti: Joe Biden stravince alla primarie in South Carolina