Usa, in Nevada nessuno vince alle primarie repubblicane: fiasco per Nikki Haley

Nikki Haley
Nikki Haley Diritti d'autore Associated Press
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un disastro per Nikki Haley il risultato delle primarie del partito repubblicano per le elezioni presidenziali degli Usa. La maggioranza ha scelto di sbarrare l'opzione "nessuno di questi candidati". L'evento decisivo per la nomination sarà il caucus di giovedì, si prevede già la vittoria di Trump

PUBBLICITÀ

Nessuno dei candidati ha vinto nelle primarie presidenziali repubblicane del Nevada.
Un risultato imbarazzante per Nikki Haley, che era l'unica candidata con un certo margine di notorietà sulla scheda elettorale e l'ultima rimasta a sfidare l'ex presidente degli Stati Uniti(Usa) Donald Trump.

Haley non parteciperà ai caucus repubblicani del Nevada

L'ex ambasciatrice delle Nazioni Unite (Onu) ha scelto di partecipare alle elezioni primarie statali di martedì invece che ai caucus presidenziali del partito, l'unica competizione nello Stato in cui i delegati decidono per la nomination. 

Trump è l'unico candidato di spicco a partecipare ai caucus di giovedì e, di conseguenza, probabilmente conquisterà i delegati repubblicani dello Stato.

Grazie a una peculiare legge elettorale del Nevada, martedì sono stati più gli elettori che hanno votato per l'opzione "nessuno di questi candidati" che quelli che hanno votato per Haley. La candidata aveva detto in precedenza che si sarebbe "concentrata sugli Stati equi" e non ha fatto campagna in Nevada nelle settimane precedenti i caucus. 

La reazione di Haley alla sconfitta

La squadra che si occupa della campagna elettorale di Haley ha liquidato i risultati delle primarie con un riferimento alla famosa industria dei casinò del Nevada."Anche Donald Trump sa che quando si gioca alle slot da un centesimo il banco vince", ha detto la portavoce Olivia Perez-Cubas. "Non ci siamo preoccupati di giocare a un gioco truccato per Trump. Andiamo avanti a tutta forza in South Carolina e non solo".

Haley e il suo team hanno inoltre contestato la tassa di 55mila dollari che il partito repubblicano del Nevada ha chiesto ai candidati per partecipare ai caucus.

"Non abbiamo speso un centesimo né un grammo di energia per il Nevada. Abbiamo deciso fin dall'inizio che non avremmo pagato 55mila dollari a un'entità di Trump per partecipare a un processo che è truccato", ha dichiarato lunedì ai giornalisti la responsabile della campagna di Haley, Betsy Ankney. "Il Nevada non è e non è stato il nostro obiettivo".

Cos'è l'opzione "nessuno di questi candidati"

I legislatori del Nevada hanno aggiunto l'opzione "nessuno di questi candidati" in tutte le gare statali. Una trovata per consentire agli elettori di partecipare ma di esprimere insoddisfazione per le loro scelte. "Nessuno" non può vincere una carica elettiva, ma è arrivato primo nelle primarie del Congresso nel 1976 e nel 1978. Inoltre, ha vinto contro George Bush ed Edward Kennedy nelle primarie presidenziali del Nevada del 1980.

"Se il tuo obiettivo è vincere la nomination repubblicana per la presidenza, vai dove ci sono i delegati. E mi lascia perplesso che Nikki Haley abbia scelto di non partecipare", ha dichiarato Chris LaCivita, consigliere senior della campagna di Trump.

I caucus negli Stati Uniti: il caso del Nevada e la differenza con le primarie

I caucus di giovedì sono l'unica competizione del Nevada che conta per la nomination presidenziale del partito repubblicano, da parte dei delegati. Ma sono stati visti come particolarmente sbilanciati a favore di Trump a causa dell'intenso sostegno alla base elettorale che richiedono ai candidati e delle nuove regole che lo hanno ulteriormente avvantaggiato.

Il Nevada era destinato a tenere le primarie, gestite dallo Stato, invece dei caucus gestiti dal partito dopo la legge è stata cambiata per cercare di aumentare la partecipazione.
I repubblicani del Nevada hanno scelto di indire i caucus nonostante le primarie.  

I caucus richiedono tipicamente che gli elettori si presentino a un incontro di persona in un certo giorno o a una certa ora, mentre le elezioni possono offrire una maggiore flessibilità, con i seggi aperti per la maggior parte della giornata, insieme al voto assente o anticipato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia e Cina accusano gli Usa al Consiglio di sicurezza Onu: "Aggressione a Iraq e Siria"

Usa, intesa bipartisan in Senato su aiuti all'Ucraina, ma l'accordo deve passare la prova del voto

Stati Uniti: Joe Biden stravince alla primarie in South Carolina