Stati Uniti, Donald Trump vince le primarie in South Carolina: Haley battuta in casa

Donald Trump
Donald Trump Diritti d'autore Andrew Harnik/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Andrew Harnik/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il tycoon vince con il 60 per cento delle preferenze nello Stato natale della ex ambasciatrice all'Onu. Haley però non si ritira e punta al Super Tuesday

PUBBLICITÀ

Continua la corsa di Donald Trump verso la nomination del partito repubblicano in vista delle elezioni presidenziali del prossimo novembre. Sabato il tycoon ha vinto le primarie repubblicane della Carolina del Sud, battendo facilmente con venti punti di scarto l'ex ambasciatrice delle Nazioni Unite Nikki Haley nel suo Stato di origine.

Trump ha ora conquistato tutte le competizioni che contavano per i delegati repubblicani, aggiungendosi alle precedenti vittorie in Iowa, New Hampshire, Nevada e nelle Isole Vergini americane. Haley sta affrontando crescenti pressioni per lasciare la corsa, ma ha assicurato che non andrà da nessuna parte nonostante abbia perso lo Stato in cui è stata governatrice dal 2011 al 2017.

Trump vince con uno scarto di 20 punti su Haley

"Non ho mai visto il Partito Repubblicano così unito come in questo momento", ha dichiarato Trump, salendo sul palco per il suo discorso di vittoria pochi istanti dopo la chiusura dei seggi. E ha aggiunto: "Potete festeggiare per circa 15 minuti, ma poi dobbiamo tornare al lavoro".

Le primarie della Carolina del Sud sono storicamente un indicatore affidabile per i repubblicani. In tutte le primarie dal 1980, tranne una, il vincitore repubblicano in South Carolina è diventato il candidato del partito. L'unica eccezione è stata Newt Gingrich nel 2012. Trump è stato dominante in tutto lo Stato, persino in testa nella contea di Lexington, che Haley rappresentava nella legislatura statale. 

Haley: "Non mi ritiro"

Haley ha giurato di rimanere in corsa almeno fino alle primarie del 5 marzo, note come Super Tuesday, ma non è stata in grado di intaccare lo slancio di Trump nel suo Stato natale, nonostante abbia organizzato un numero molto maggiore di eventi elettorali e abbia sostenuto che le incriminazioni contro Trump lo ostacoleranno contro Biden."Quello che ho visto oggi è la frustrazione del South Carolina per la direzione del nostro Paese. Ho visto la stessa frustrazione a livello nazionale", ha detto Haley salita un'ora dopo Trump sul palco e poi ha aggiunto: "Non credo che Donald Trump possa battere Joe Biden, ho detto all'inizio di questa settimana che, a prescindere da ciò che accadrà in South Carolina, continuerò a candidarmi. Sono una donna di parola".

Sfida tra Trump e Biden sempre più vicina

Trump e Biden si stanno già comportando come se si aspettassero di affrontarsi a novembre. La forza politica di Trump ha resistito anche in South Carolina nonostante le 91 accuse penali legate ai suoi sforzi per ribaltare la sconfitta alle elezioni del 2020 contro Biden, alla scoperta di documenti riservati nella sua residenza in Florida e alle accuse di aver pagato Stormy Daniels per il suo silenzio.

Il primo processo penale dell'ex presidente inizierà il 25 marzo a New York, dove dovrà affrontare 34 capi d'accusa per aver falsificato i registri aziendali relativi al denaro nascosto pagato alla pornostar Stormy Daniels nelle ultime settimane della campagna presidenziale del 2016.

Biden ha vinto le primarie democratiche del South Carolina all'inizio del mese e deve affrontare un solo sfidante, Dean Phillips. Il deputato democratico del Minnesota ha continuato a fare campagna in Michigan in vista delle primarie democratiche, nonostante abbia poche possibilità di battere Biden.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

New York: Donald Trump condannato a pagare oltre 350 milioni di dollari

Processi a Donald Trump, prima udienza per il caso Stormy Daniels fissata il 25 marzo

Nato: la minaccia di Trump agli alleati scatena le reazioni dei leader europei