Le stelle del judo tornano a Baku per il Grand Slam

L'astro nascente svedese, Tara Babulfath, nel corso della semifinale
L'astro nascente svedese, Tara Babulfath, nel corso della semifinale Diritti d'autore IJF
Di Andrea Barolini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prima giornata del Grand Slam di judo a Baku, in Azerbaigian, con uno scontro stellare nella categoria femminile -52 kg

PUBBLICITÀ

Mentre i Giochi Olimpici di quest'estate si avvicinano sempre più, la grande famiglia del judo è stata accolta con grande entusiasmo in Azerbaigian per la decima edizione del Grand Slam di Baku. Come sempre, all'interno dell'Arena Nazionale di Ginnastica, una folla di spettatori particolarmente competente è accorsa per sostenere i judoka di casa.

Ad aprire l'evento sono stati la vice-ministra della Gioventù e dello Sport dell'Azerbaigian Mariana Vasileva, il presidente della Federazione di judo della nazione asiatica, Rashad Nabiyev, e il presidente della Federazione internazionale di Judo, Marius Vizer.

Dopo una giornata ricchissima di exploit, tra i quali questo Osoto-gari, l'attuale numero uno del mondo e campionessa mondiale in carica Christa DEGUCHI ha conquistato il titolo di Baku nei -57 kg. La sua avversaria in finale, la campionessa olimpica in carica Nora Gjakova, non ha potuto gareggiare per infortunio.La medaglia d'oro le è stata consegnata dal presidente della Federazione internazionale di Judo, Marius Vizer.

Nei -60 kg Ramazan ABDULAEVè riuscito a conservare il titolo conquistato lo scorso anno nel Grand Slam di Baku, vincendo una battaglia serrata in finale contro l'attuale campione europeo Luka MKHEIDZE, dopo che il francese è stato punito per una scorrettezza. La medaglia gli è stata consegnata da Azer ALIYEV, segretario generale del Comitato olimpico nazionale dell'Azerbaigian.

La stella nascente della Svezia Tara BABULFATH ha affrontato nei -48 kg la numero 5 del mondo e cinque volte finalista del Grand Slam Milica Nikolic. È stata la freschezza giovanile a prevalere, con la Babulfath che ottenuto la sua prima medaglia nel World Judo Tour.

"Mi piace quando la gente è lì e urla, ti dà molta fiducia e molta felicità. Quindi sono orgogliosa di me stessa, ho una squadra fantastica attorno, davvero straordinaria", ha spiegato l'atleta scandinava. A consegnare le medaglie è stato il vice-segretario del Consiglio di sicurezza della Repubblica dell'Azerbaigian Madat GULIYEV.

Nei -66 kg lo spagnolo Alberto GAITERO MARTIN ha dato prova della sua magistrale abilità nel lavoro a terra, liberando per due volte la gamba e trattenendo il francese Daikii BOUBA.Le medaglie sono state consegnate dal vice-presidente del Comitato olimpico nazionale dell'Azerbaigian Chingiz HUSEYNZADE. "Qui si respira un'ottima atmosfera, mi piace combattere qui, sono venuto per molti anni e questa è la mia prima medaglia a Baku", ha dichiarato lo judoka iberico.

La finale della categoria -52 kg ha portato sul tatami uno scontro tra superstar con Odette GIUFFRIDA e Diyora KELDIYOROVA. Le due atlete hanno lottato duramente, ma è stata la KELDIYOROVA a trionfare, battendo l'italiana con un waza-ari e conquistando il suo quinto titolo del Grand Slam. Le medaglie sono state consegnate dalla vice-ministra della Gioventù e dello Sport dell'Azerbaigian Mariana Vasileva.

Per tutta la giornata la folla ha assistito a uno spettacolo entusiasmante, con la squadra azera che ha mostrato le sue straordinarie abilità, suggellate dalla medaglia di bronzo di Balabay AGHAYEV. Appuntamento a domani per la seconda giornata del Grand Slam di Baku.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo, Gran Prix del Portogallo: due ori per la Turchia

Judo, l'Azerbaigian chiude in bellezza il Grand Slam di Baku

Judo, l'Azerbaigian domina la seconda giornata al Grand Slam di Baku