Judo, Grand Slam 2024: in Uzbekistan è subito oro con l'atleta di casa Ruziev

57 kg, la vincitrice francese Priscilla Gnéto
57 kg, la vincitrice francese Priscilla Gnéto Diritti d'autore IFJ
Diritti d'autore IFJ
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Humo Arena di Tashkent in Uzbekistan ospita il Grand Slam di quest'anno, con una folla di appassionati sin dalle prime battute: subito l'oro per il judoka locale, Ruziev

PUBBLICITÀ

Il tour mondiale di judo della federazione non conosce soste: dopo un solo weekend di riposo, siamo tornati a Tashkent, nel Paese che va pazzo per il judo, l'Uzbekistan.

L'Humo Arena ospita il Grand Slam di quest'anno, con una folla di appassionati sin dalle prime battute.

Nella categoria 48 kg, l'atleta neutrale, Sabina Giliazova, ha superato al golden score la kazaka, Abiba Abuzhakynova: sul tatami, le due hanno gareggiato entrambe per vincere, ma la Giliazova ha sancito la vittoria per ippon dell'avversaria.

L'amministratore delegato di Harvest Group, Almaz Alsenov, era presente per consegnare le medaglie.

Il pubblico uzbeko esulta

Grande attesa per il pubblico con il judoka di casa, Doston Ruziev, categoria 60 kg, che disputava la sua prima finale del World Judo Tour. Ruziev ha affrontato il georgiano Giorgi Sardalashvili. Il boato della folla gli è servito per sfruttare la sua abilità nel lavoro a terra, che gli ha regalato il successo casalingo.

La medaglia gli è stata consegnata da Adkham Ikramov, ministro dello Sport della Repubblica dell'Uzbekistan.

"Prima di tutto ringrazio i sostenitori presenti oggi, mi hanno aiutato molto! In futuro faremo del nostro meglio per soddisfare le aspettative della nazione uzbeka continuando a vincere medaglie d'oro" ha detto Doston Ruziev. 

Il judoka di casa, Doston Ruziev, vincitore nella categoria 60 kg
Il judoka di casa, Doston Ruziev, vincitore nella categoria 60 kg(c) Polejaeva Ekaterina - IJF

La folla si è fatta sentire ancora una volta per la finale dei 52 kg: in gara la ventenne Gulkhayo Juraeva, atleta di casa, pronta a conquistare la sua prima medaglia del World Tour di Judo. Ma l'esperta judoka francese, Amandine Buchard ha dato prova della sua esperienza per vincere un combattimento serrato.

A premiare le atlete il segretario generale del Comitato Olimpico Nazionale dell'Uzbekistan, Oybek Kasimov.

"È la seconda volta che vengo a Tashkent, la prima volta è stata per i Campionati del Mondo, e mi piace molto il pubblico qui perché il judo è vivo - ha commentato Amandine Buchard - Qui, ogni volta che vedono un bel combattimento, si fanno sentire. Quindi mi piace questo tipo di vibrazioni e mi piace molto combattere qui a Tashkent!".

Il bottino degli atleti francesi nel post di X.

L'emergente **star del judo tagiko,**Nurali Emomali, ha conquistato il primo posto nella categoria 66 kg. Dopo aver messo a segno un waza-Ari iniziale, Emomali ha vinto su Baruch Shmailov squalificato per aver inanellato tre penalità.

Le medaglie sono state consegnate da Ismoil Mahmadzoir, presidente della Federazione di judo del Tagikistan.

Una vecchia rivalità del judo ha visto la francese Priscilla Gneto vincere sulla giapponese Haruka Funakubo nella categoria 57 kg.  Il direttore degli arbitri ella federazione, Armen Bagdasarov, ha premiato la vincitrice.

Al di là delle medaglie assegnate, la competizione è stata di grande livello e ha entusiasmato il pubblico. Sabato torneremo a Tashkent per un'altra giornata di grande judo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo, l'Azerbaigian chiude in bellezza il Grand Slam di Baku

Judo, l'Azerbaigian domina la seconda giornata al Grand Slam di Baku

Le stelle del judo tornano a Baku per il Grand Slam