EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pacchetto da 3 miliardi di euro all'Ucraina, Sunak: "Se Putin vince non si fermerà"

Zelensky Sunak
Zelensky Sunak Diritti d'autore Stefan Rousseau/WPA Rota
Diritti d'autore Stefan Rousseau/WPA Rota
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Prima visita dell'anno all'estero del premier britannico. Sunak incontra Zelensky e annuncia un pacchetto di aiuti militari da tre miliardi di euro e un patto per la sicurezza. Ancora stallo negli Stati Uniti per i nuovi finanziamenti

PUBBLICITÀ

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha confermato nuovi finanziamenti militari per l'Ucraina durante una visita a Kiev, per dimostrare che l'Occidente continua a sostenere il Paese a quasi 23 mesi dalla scoppio della guerra. Il pacchetto, del valore di tre miliardi di euro (3,2 miliardi di dollari), è il più consistente che il Regno Unito abbia concesso a Kiev. Gli aiuti arrivano in un momento di stallo per i finanziamenti da parte degli Stati Uniti verso l'Ucraina, ma l'amministrazione di Joe Biden sta insistendo per un nuovo invio.

Sunak: "Al fianco di Kiev nelle sue ore più buie"

"Sono qui oggi con un messaggio: il Regno Unito non vacillerà", ha detto Sunak. "Saremo al fianco dell'Ucraina, nelle sue ore più buie e nei momenti migliori che verranno". Secondo l'ufficio di Sunak, il pacchetto finanzierà missili a lungo raggio, migliaia di droni, difesa aerea, munizioni per artiglieria e sicurezza marittima. "Non ci stiamo allontanando", ha detto Sunak a una conferenza stampa con il presidente ucraino Volodymir Zelenski.

Il Regno Unito firma un accordo bilaterale di sicurezza con l'Ucraina per i prossimi dieci anni

Sunak e Zelenski hanno firmato un accordo bilaterale di sicurezza per i prossimi dieci anni. L'accordo rimarrà in vigore fino a quando l'Ucraina non raggiungerà la tanto attesa adesione alla Nato, ha detto Zelenski. Kiev ha esortato l'Occidente a inviare più aiuti, come quelli che sta fornendo il Regno Unito, poiché la guerra produce pochi cambiamenti sulla linea del fronte ed entrambe le parti ricorrono ad attacchi a lungo raggio.

Sunak ha detto di aver fatto dell'Ucraina il suo primo viaggio all'estero dell'anno per inviare un "forte segnale" di sostegno, che rappresenti "la gravità della situazione qui e la nostra determinazione a stare al fianco dell'Ucraina" tra le richieste concorrenti di attenzione internazionale. "Il presidente russo Vladimir Putin deve riconoscere che non andiamo da nessuna parte", ha detto Sunak e ha aggiunto: "Siamo qui perché l'Ucraina vince. Se Putin vince in Ucraina, non si fermerà lì".

Gli Stati Uniti verso il trattato per la sicurezza

Secondo l'ambasciatore statunitense in Ucraina Bridget Brink, che ha parlato ai media ucraini, la firma di un trattato simile a quello firmato con Londra è esattamente l'obiettivo fissato da Joe Biden. Secondo  Brink, le consultazioni intergovernative bilaterali sono già iniziate.

La Russia e l'Ucraina riforniscono i loro arsenali militari

Secondo gli analisti militari, l'Ucraina e la Russia stanno cercando di rifornire i propri arsenali quest'anno, in previsione di possibili offensive di terra nel 2025. Kiev sostiene che Mosca stia ricevendo proiettili di artiglieria e missili dalla Corea del Nord e droni dall'Iran. Il 4 gennaio, la Casa Bianca ha citato funzionari dell'intelligence statunitense secondo cui la Russia ha acquistato missili balistici dalla Corea del Nord e li sta cercando dall'Iran. Zelenski ha avvertito che l**'Ucraina ha particolarmente bisogno di sistemi di difesa aerea.
**

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Difesa: Rishi Sunak annuncia piano aumento spesa al 2,5 per cento del Pil

Guerra in Ucraina, attacchi aerei dalla Russia nella notte: 17 feriti a Kharkiv, tre a Odessa

Ucraina, la Francia invierà missili di precisione: Macron in visita a febbraio