EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Crisi economica e inflazione alle stelle: quanto è grave la povertà in Turchia?

Una donna tiene in braccio il suo bambino per chiedere l'elemosina vicino a Piazza Taksim a Istanbul, in Turchia, martedì 18 giugno 2013\.
Una donna tiene in braccio il suo bambino per chiedere l'elemosina vicino a Piazza Taksim a Istanbul, in Turchia, martedì 18 giugno 2013\. Diritti d'autore (AP Photo/Petr David Josek)
Diritti d'autore (AP Photo/Petr David Josek)
Di Joshua Askew
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Oggi, in Turchia, sfamare una famiglia costa più di quanto si guadagni con il salario minimo. Quanto è grave la povertà nel Paese?

PUBBLICITÀ

Tre mesi di ritardo nell'affitto. Acqua ed elettricità tagliate. Il padrone di casa martella alla porta. Questa è la terribile situazione in cui si trova una famiglia con tre figli piccoli, tra cui un neonato di quattro mesi, a Istanbul, la città più grande della Turchia.

"Mio figlio soffre di epilessia. È stato in ospedale per due settimane", dichiara in forma anonima a Euronews il padre di famiglia. "Anch'io sto lentamente morendo, la mia dispensa è vuota".

"Mi sento così abbandonato. Ho 100 lire [3,4 euro] in tasca. Devo usarle per comprare i pannolini? Latte artificiale? O prendo l'olio per cucinare?", ha aggiunto, alludendo a una scelta impossibile tra l'acquisto di cibo o di altri beni di prima necessità.

Ma questa famiglia in difficoltà non è affatto sola.

Secondo un recente rapporto pubblicato dall'Istituto statistico turco, quasi un terzo della popolazione turca è attualmente a rischio di povertà o esclusione sociale.

Questa preoccupante tendenza rischia di invertire i significativi risultati ottenuti dal Paese nella lotta alla povertà a partire dai primi anni 2000, con una rapida crescita dell'economia turca negli ultimi due decenni.

AFP
FILE: A vegetable vendor waits for customers at a bazaar in Istanbul on September 6, 2022AFP

"Sono 22 anni che mi occupo di povertà, ma non ho mai visto una situazione così negativa", afferma Hacer Foggo, coordinatrice dell'Ufficio di solidarietà contro la povertà per il Partito Popolare Repubblicano (CHP).

Foggo elenca i sintomi preoccupanti di questa crisi, che sta colpendo soprattutto i comuni cittadini: donne che non possono permettersi prodotti sanitari, aumento dell'obesità a causa del passaggio delle famiglie a cibi più economici e di bassa qualità, studenti che abbandonano l'università...la lista è lunga.

"La gente non riesce più a soddisfare le proprie esigenze di base", ha dichiarato Foggo a Euronews. "Questo a sua volta provoca ansia, depressione e isolamento delle famiglie".

I medici turchi hanno lanciato l'allarme sull'aumento delle persone che segnalano conseguenze sulla loro salute mentale, con un conseguente "grave aumento" dell'uso di psicofarmaci.

Nel frattempo, due terzi degli intervistati in un sondaggio del 2022 del Centro di ricerca sociale Yöneylem hanno dichiarato di essere depressi a causa di difficoltà finanziarie.

Non ci sono soldi per mangiare

Un'ampia fetta della società turca è attualmente in difficoltà. Secondo Foggo, però, sono i bambini a sopportare il peso del problema della povertà.

Alcuni vanno a scuola affamati o abbandonano del tutto gli studi per lavorare e portare soldi alla famiglia, sostiene la Foggo.

"È in arrivo una generazione mentalmente e psicologicamente non sana", ha avvertito.

Secondo i dati citati dall'UNICEF nel 2020, circa un terzo dei bambini in Turchia vive in famiglie povere e soffre di qualche tipo di privazione materiale.

Alla base di quanto sta accadendo nel Paese ci sono gravi problemi economici.

AFP
FILE: A fishshop owner waits for customers at historical Karakoy fish bazaar in Istanbul on December 16, 2021AFP

La Turchia è stata martoriata da anni di inflazione alle stelle, con un aumento dei prezzi di quasi il 50% a luglio rispetto all'anno precedente, secondo i dati ufficiali pubblicati all'inizio del mese.

Secondo gli economisti indipendenti dell'Inflation Research Group, però, la cifra reale è molto più alta, circa il 70%.

PUBBLICITÀ

"Subito dopo avere riscosso il mio stipendio, sono già senza soldi", ha dichiarato a Euronews il padre di tre figli di Istanbul, affermando che dopo aver pagato l'affitto e le bollette, non gli rimane nulla.

"Non mangio. A volte uso i soldi per cancellare un debito con il negozio di alimentari", ha aggiunto.

L'uomo sottolinea che le 1550 lire (52 euro) che riceve come sostegno statale non coprono nemmeno la spesa alimentare della sua famiglia, stimata in quasi 2500 lire (84 euro) al mese.

La settimana scorsa, la Confederazione dei sindacati turchi del lavoro (Türk-İş) ha riferito che la soglia della fame - che si riferisce all'importo minimo che una famiglia di quattro persone deve spendere per sfamarsi - è ora superiore al salario minimo.

Questo nonostante il governo abbia aumentato il salario minimo del 34% a luglio.

PUBBLICITÀ

Molti Paesi del mondo sono stati devastati dall'inflazione, alimentata dalla guerra in Ucraina e dai cambiamenti climatici, ma alcuni fattori peggiorano la situazione della Turchia.

Il crollo della valuta ha contribuito a determinare uno dei più alti tassi di inflazione in Europa, erodendo i salari e colpendo le imprese locali. Nel settembre 2021, 1 dollaro USA valeva circa 8 lire turche, mentre nel luglio 2023 ne valeva 27.

Parlando con Euronews lo scorso autunno, Timothy Ash, esperto di mercati emergenti presso BlueBay Asset Management, ha affermato che la cattiva gestione economica da parte del presidente turco Recep Tayyip Erdogan e del suo Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP) ha alimentato l'inflazione e ha fatto precipitare la lira.

Ha attribuito la decisione di Erdogan di non abbassare i tassi di interesse - che avrebbero raffreddato l'inflazione - alla sua concezione "non ortodossa" della politica monetaria, alle credenze islamiche sull'usura e al fatto che molti dei suoi alleati politici beneficiano di tassi bassissimi.

La centralizzazione del potere è al centro di questo problema, ha affermato Ash, con il presidente turco ampiamente accusato di aver preso una piega autoritaria.

PUBBLICITÀ

"Erdogan dà la colpa a tutti gli altri", ha dichiarato a Euronews. "Ha intorno a sé una squadra di persone che sono degli yes men. Non dicono la verità al potere. È come i vestiti nuovi dell'imperatore".

Dopo la sua rielezione a maggio, il governo di Erdogan starebbe forgiando un nuovo percorso economico, e il leader turco sarebbe ormai pronto a invertire le sue politiche non convenzionali nominando nuove figure alla banca centrale e al ministero delle Finanze.

Per Hacer Foggo, molti dei problemi di povertà della Turchia sono tutt'altro che nuovi: le autorità non hanno agito per anni.

"Tutti questi [problemi] vengono in realtà dal passato. Questo dimostra che non è stato fatto nulla, per anni", ha dichiarato a Euronews, chiedendo una soluzione basata sui diritti umani.

"Abbiamo bisogno di una politica sociale basata sui diritti che includa gli studenti, le donne, le madri single, i disabili, gli anziani, i bambini e ogni individuo che vive in povertà in base alle esigenze di ognuno. Quando la povertà si approfondisce e si prolunga, i suoi effetti non fanno che peggiorare".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Economia turca nuovamente con il fiatone: l'inflazione è risalita al 59%

Sì di Erdogan alla Svezia nella Nato

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi