EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Lituania: al confine con la Bielorussia, dove arrivano i migranti

Il muro al confine tra Lituania e Bielorussia
Il muro al confine tra Lituania e Bielorussia Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Magdalena Chodownik
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La nostra inviata Magdalena Chodownik ha visitato un centro richiedenti asilo, sulla tratta che dall'Asia porta all'Europa

PUBBLICITÀ

Non sono molti come su altre tratte, ma il problema dei migranti che cercano di entrare in Lituania dalla Bielorussia è ancora una realtà. Recentemente, la Corte Costituzionale lituana ha stabilito che la detenzione di richiedenti asilo stranieri per più di sei mesi senza un ordine del tribunale è incostituzionale.

"Quando è iniziata quest'ondata migratoria nel 2021, le persone sono state automaticamente detenute in questi centri senza il diritto alla libera circolazione, quindi la Corte Costituzionale ha dichiarato l'incostituzionalità, il che significa che tutte queste persone che vivevano nei campi, ora, possono chiedere i danni", spiega ai nostri microfoni Emilija Svobaite, dello Sienos grupe, che aiuta i migranti al confine. 

In questo centro per stranieri ci sono attualmente 132 persone, sia quelle per le quali è stato emesso un ordine di detenzione da parte del tribunale, sia quelle che, come B. Bart possono godere di maggiore libertà in attesa di una decisione sull'asilo. "Due giorni dopo il mio matrimonio, sono arrivate delle persone", raccnta l'uomo. "Sono venuti a casa mia, mi hanno minacciato e hanno attaccato la mia casa. Per due volte mi hanno attaccato, quindi non ero al sicuro in Sri Lanka. Così, dopo una settimana, sono andato in Uzbekistan e sono rimasta lì per due mesi. Poi sono andato in Bielorussia e dopo sei mesi ho attraversato una zona boschiva e il confine con la Lituania".

B. Bart vuole rimanere in Lituania e spera di portare con sé la moglie, ma molti richiedenti asilo cercano di andare più a occidente. Solo quest'anno oltre 1.500 persone sono state segnalate in Paesi dell'Unione europea diversi da quelli in cui hanno chiesto asilo. 

"La scorsa settimana sono arrivate nel nostro centro 22 persone, per lo più provenienti dal confine lettone, che hanno attraversato illegalmente il confine tra Lettonia e Bielorussia, ma che noi cerchiamo di rimandare in Lettonia", dice Aleksandras Kislovas, responsabile del Centro di registrazione degli stranieri di Pabrade. "La maggior parte di coloro che hanno la possibilità di spostarsi liberamente dal nostro centro scappa dalla Lituania e viaggia verso un altro Paese, verso l'Europa centrale".

Anche se molte persone che chiedono asilo nei Paesi baltici cercheranno di raggiungere l'Europa occidentale, saranno rinviate qui in base agli accordi di Dublino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lituania: chiusi due valichi di frontiera, possibile chiusura del confine con la Bielorussia

Reggio Calabria, 800 migranti sbarcati. 2000 persone nell'hotspot di Lampedusa

Al via un'esercitazione nucleare congiunta tra Russia e Bielorussia