Lituania, al via la legge per respingere i richiedenti asilo al confine

Recinzione in Lituania al confine con la Bielorussia
Recinzione in Lituania al confine con la Bielorussia Diritti d'autore Michal Kosc/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Michal Kosc/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per difendersi da Mosca, la Lituania ha eretto una barriera al confine con la Bielorussia, chiudendo in totale oltre 500 km

PUBBLICITÀ

Il parlamento lituano ha adottato una legge controversa che consente alle guardie di frontiera di respingere i migranti illegali e i richiedenti asilo detenuti entro cinque chilometri dal confine. Una misura aspramente criticata dalla Corte di giustizia dell'Unione europea e da diverse organizzazioni per i diritti umani tra cui Amnesty International.

Nils Muiznieks, Direttore regionale per l'Europa di Amnesty International, fa notare che "È illegale, è contro il diritto internazionale rimandare le persone in un paese senza esaminare le loro richieste individuali, senza valutare la loro situazione, senza consentire loro l'accesso a una procedura di asilo. Quindi questo è un tentativo di sancire con la legge qualcosa che è illegale". 

In base a questa misura, se viene dichiarata un'emergenza nazionale a causa dell'afflusso di stranieri, le persone arrestate vicino al confine possono essere espulse senza ricorso. Il governo lituano ha affermato che questa legge contente al paese al paese di difendersi da una presunta "guerra ibrida" da parte di Russia e Bielorussia utilizzando i migranti per pressioni politiche.

La votazione per la legge si è svolta settimane dopo la diffusione di un rapporto del Comitato europeo per la prevenzione della tortura del Consiglio d’Europa, il principale organismo europeo contro la tortura, su come le autorità di stati tra cui la Lituania abbiano fatto ricorso a pratiche qualificate come tortura nei confronti di rifugiati e migranti che tentavano di attraversare le frontiere europee.

Per difendersi da Mosca, la Lituania ha eretto una barriera al confine con la Bielorussia, chiudendo in totale oltre 500 km ed effettuato più di 20.000 respingimenti di migranti durante la crisi nell'agosto 2021. Il costo della recinzione di è di 48 milioni di dollari. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il dilemma olandese sull'accoglienza dei rifugiati

Lituania, festa per i vent'anni dall'adesione alla Nato, Nausėda: "Russia incombe ma non siamo soli"

Lituania: attentato contro Volkov, caccia all'aggressore