EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Russia, l'attivista Chanysheva condannata a sette anni e mezzo di carcere

L'attivista Lilia Chanysheva in tribunale
L'attivista Lilia Chanysheva in tribunale Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Chanysheva, vicina al celebre oppositore di Putin Navalny, è stata ritenuta responsabile di gestione di un'organizzazione estremista

PUBBLICITÀ

Lilia Chanysheva, attivista che si oppone al presidente Vladimir Putin e vicina al detenuto Alexei Navalny, è stata condannata da un tribunale a 7 anni e mezzo di carcere. I giudici l'hanno ritenuta colpevole di "estremismo" e "gestione di una società estremista", tra le altre accuse.

Prima di lasciare l'aula, la donna si è rivolta ai suoi sostenitori con queste parole: "Credete in voi stessi, lavorate per cambiamenti positivi. Scrivetemi delle lettere, ho davvero bisogno di voi. Anche gli altri prigionieri politici hanno bisogno di voi. E il nostro infelice Paese ha molto bisogno di voi. Anch'io non mi arrenderò. Credo che insieme possiamo fare della Russia un Paese libero, pacifico e umano".

La donna ha chiesto di poter diventare madre

Chanysheva, che ha guidato le attività di Navalny nella regione del Bashkortostan, è stata accusata insieme ad altri di "aver creato una comunità estremista".

L'accusa aveva chiesto 12 anni di carcere. L'attivista ha 41 anni e durante il processo ha chiesto che la sentenza (gli anni di reclusione) non le precluda la possibilità di diventare madre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste pro-Navalny in tutto il mondo per il suo 47esimo compleanno. Almeno 100 arresti in Russia

Navalny: "Contro di me nuove accuse di terrorismo" . Il dissidente rischia 35 anni di carcere

La cella del dissidente russo Alexei Navalny si trasferisce a Parigi