EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Proteste pro-Navalny in tutto il mondo per il suo 47esimo compleanno. Almeno 100 arresti in Russia

Image
Image Diritti d'autore AP/Dmitry Serebryakov
Diritti d'autore AP/Dmitry Serebryakov
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Centinaia di persone sono scese in piazza per dimostrare il loro sostegno all'oppositore russo. Secondo l'ong russa Odv-Info, la polizia ha eseguito perquisizioni nella metro di Mosca, tra gli arrestati anche alcuni minorenni

PUBBLICITÀ

Domenica centinaia di persone sono scesa in piazza all'estero e in Russia, sfidando la repressione del dissenso, per dimostrare il loro sostegno all'oppositore russo Alexeï Navalny in occasione del suo 47esimo compleanno. 

A indire picchetti e manifestazioni i collaboratori dell'attivista, in carcere dal 2021. "Facciamo questi raduni in tutto il mondo per attirare il più possibile l'attenzione sul suo caso, voglio dire, in generale. Perché è molto importante che la gente continui a tenerlo d'occhio, perché è questo che lo tiene al sicuro", ha dichiarato la sua portavoce, Kira Yarmysh. 

E se a Berlino e in diverse altre città europee i manifestanti hanno potuto pacificamente lanciare un appello a Mosca per il rilascio di Navalny, in varie città della Russia i suoi sostenitori, che avevano organizzato perlopiù picchetti indidivuali o disegnato cartelli e graffiti, sono stati rapidamente individuati e silenziati. 

Secondo la ong indipendente russa Ovd-Info, che monitora gli arresti politici, sono state arrestate almeno 100 persone, di cui 55 solo a Mosca. La polizia, dice la ong, ha effettuato perquisizioni sulla linea della metropolitana Tagansko-Chervonopresnyanskaya della capitale, sequestrando passaporti e telefoni cellulari. Tra gli arrestati ci sono anche cinque minorenni e due giornalisti. 

In un post pubblicato sui social media dai suoi collaboratori, Navalny ha dichiarato che avrebbe ovviamente preferito trascorrere il suo compleanno con una colazione in famiglia, baci dai suoi figli e regali, ma "la vita è tale che il progresso sociale e un futuro migliore possono essere raggiunti solo se un certo numero di persone è disposto a pagare per il diritto di avere delle convinzioni". "Più persone ci sono, più piccolo è il prezzo che ciascuno deve pagare. E certamente arriverà un giorno in cui sarà una routine e non sarà affatto pericoloso dire la verità e difendere la giustizia in Russia", ha detto, ringraziando i suoi sostenitori, grazie ai quali nell'ultimo anno non è diventato "brutale e amareggiato", e tutti gli altri prigionieri politici del mondo, la cui resilienza lo "isipira ogni giorno". 

Alexeï Navalny ha scontato due anni di una condanna a nove anni di carcere per frode e oltraggio alla corte, accuse a suo dire inventate per punirlo per il suo lavoro di denuncia della corruzione di Stato e per l'organizzazione di proteste contro il Cremlino. Ora sta affrontando un nuovo processo per estremismo che potrebbe tenerlo in prigione per decenni. Navalny ha anche citato un investigatore che gli ha detto che affronterà anche un processo separato presso un tribunale militare per accuse di terrorismo, potenzialmente passibili di ergastolo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, l'attivista Chanysheva condannata a sette anni e mezzo di carcere

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"

Russia, via ministro Shoigu, nominato Belousov: Putin cambia la difesa durante offensiva in Ucraina