Azovstal: la battaglia decisiva

Azovstal: la battaglia decisiva
Diritti d'autore euronews
Di Anelise Borges
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A un anno dall'assedio dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, questo episodio di Witness regala uno sguardo unico alle esperienze delle persone coinvolte.

PUBBLICITÀ

A un anno dall'assedio dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, questo episodio di Witness regala uno sguardo unico alle esperienze delle persone coinvolte.

Per quasi tre mesi, migliaia di forze ucraine e di civili si sono rifugiati nella rete di tunnel e bunker dell'impianto siderurgico.

Queste persone sono diventate il fulcro della resistenza del loro Paese, mentre Azovstal è emerso come simbolo della brutalità di Mosca e della capacità di Kiev di resistere.

"Abbiamo capito che più a lungo avremmo tenuto Azovstal e Mariupol, più a lungo l'esercito russo si sarebbe concentrato su di noi", mi ha detto a dicembre Oleg Karamov. Il sergente maggiore trentenne si è ritirato nello stabilimento mentre i russi cercavano di conquistare la città.

Euronews
Esplosione nella regione di Mariupol, UcrainaEuronews

Oleg e i suoi commilitoni della trentaseiesima Brigata di Marina erano stanziati a Mariupol da prima della guerra. Pochi giorni dopo l'iniziale invasione dell'Ucraina, a febbraio, fu ordinato loro di ritirarsi nel villaggio di Volonterivka e successivamente nell'impianto metallurgico di Ilyicha, entrambi situati a Mariupol.

"Ci siamo ritirati discretamente. Abbiamo portato i nostri feriti e i nostri morti il più lontano possibile", ha detto Oleg Karamov.

Quando i russi hanno circondato gli ucraini, l'unica via d'uscita era il passaggio. In aprile, la brigata tentò di fuggire trasferendosi per raggiungere il reggimento Azov ad Azovstal.

"La prima linea di truppe passò di notte", ha ricordato Oleg. "I soldati sono riusciti a passare senza vittime e senza feriti".

Un altro soldato della stessa brigata, il sergente minore Anton Ivlev, mi ha raccontato che quando hanno raggiunto lo stabilimento di Azovstal, la distruzione era colossale. "Non c'erano strade, né comunicazioni, niente".

Rustam Babayev, un marinaio anziano della stessa brigata di Oleg e Anton, ha detto: "Dovevamo essere rinforzi per il Reggimento Azov. Ci siamo messi in posizione senza conoscere il terreno e senza sapere da dove sarebbe arrivato il nemico. Non avevamo nemmeno munizioni. Ci furono molte vittime".

Euronews
Anton Ivlev, Oleg Karamov and Rustam BabayevEuronews

Anton Ivlev, Oleg Karamov e Rustam Babayev sono sopravvissuti a uno dei capitoli più letali della guerra russa contro l'Ucraina.

Nel novembre 2022, i funzionari ucraini hanno stimato che almeno 25 mila persone sono state uccise nei combattimenti a Mariupol.

Un numero imprecisato di soldati è rimasto sepolto sotto le macerie e migliaia sono diventati prigionieri russi quando Kiev ha accettato di deporre le armi nel tentativo di limitare le vittime.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un membro del battaglione Azov è stato sepolto in un cimitero di Kharkiv

Guerra in Ucraina, Mosca dichiara agente straniero un giornalista della Bbc

Guerra in Ucraina, Putin: "Colpire impianti energetici per influenzare industria ucraina"