EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il Po senza inverno. Ridotta la portata del 70%

Il Po ha sete. Gli agricoltori "non piove da un anno"
Il Po ha sete. Gli agricoltori "non piove da un anno" Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Luca Palamara
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La siccità non è più solo un fenomeno estivo. L'allarme degli agricoltori: "non piove da un anno"

PUBBLICITÀ

"Stiamo veramente camminando dove un tempo avrebbe dovuto scorrere il Po: siamo a marzo e con i disgeli delle nevi l'acqua sarebbe più alta di me, e invece il letto del fiume è completamente asciutto". Luigi Bisi, presidente del Consorzio di Bonifica è sconcertato quando parla del record negativo che il fiume più lungo d'Italia sta facendo registrare questo inverno: al termine della stagione invernale la portata normale del fiume sarebbe di 1.000 metri cubi al secondo, ma si aggira sui 300 metri cubi al secondo.

Già da alcuni anni la siccità trasforma l’imponente massa d’acqua che sfocia nel mar Adriatico in un torrente che scorre su un terreno arido. La mancanza d’acqua tipica del periodo estivo è diventata un fenomeno comune già nei primi mesi dell’anno. 

In diversi tratti il terreno che costeggia il fiume è pericolosamente arido. L’immenso bacino idrografico del Po, circa 71 mila chilometri quadrati, fornisce acqua per irrigare i campi ed elettricità alle popolazioni delle regioni bagnate dal corso d'acqua. Tutti ora devono fare i conti con la siccità.

È quasi un anno o forse più che non piove: ora è tempo di programmare le colture per la prossima estate, ma non avendo acqua non possiamo neanche pensare di coltivare o seminare o trapiantare pomodori”, dice Giampiero, un agricoltore.

La diga del Molato, collocata a monte del torrente Tidone, uno degli affluenti del Po, segna il triste record storico senza lasciare spazio a equivoci. Quest’anno ha raggiunto il record negativo di riempimento: il 12% della capacità, il più basso degli ultimi 10 anni. L’anno scorso era del 30%. "La diga piena sarebbe agli sfioratori", spiega Bisi. Un tempo, aggiunge "la diga era piena e si lasciava anche fuoriuscire l'acqua". Ma ora la pioggia è la grande assente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Napoli messa a ferro e fuoco dai tifosi dell'Eintracht, scontri con polizia e ultras del Napoli

Elezioni europee 2024: il dibattito dei candidati fa tappa nei campi rom

Elezioni europee: la campagna elettorale davanti a "una birra con Nicola" Zingaretti