EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Chi sono gli attivisti che stanno lanciando l'allarme sull'emergenza climatica?

Chi sono gli attivisti che stanno lanciando l'allarme sull'emergenza climatica?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Hans von der Brelie
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le strategie degli attivisti europei per il clima sono sempre più radicali. Il nostro inviato Hans von der Brelie li ha incontrati per scoprire perché

PUBBLICITÀ

Zuppa e purè lanciati contro dipinti di Van Gogh e Monet, persone che incollano le mani al terreno. Le strategie degli attivisti europei per il clima sono sempre più radicali. Il nostro inviato Hans von der Brelie li ha incontrati per scoprire perché.

Extinction Rebellion. Lione, Francia

Il primo degli incontri di Hans è con il gruppo climatico Extinction Rebellion, che ha sedi in 75 nazioni. Il punto d'incontro viene comunicato all'ultimo momento. Una volta lì, Hans viene a sapere che gli attivisti stanno progettando di fare irruzione in un impianto chimico di Lione, l'Arkema. L'anno scorso, i giornalisti hanno scoperto che l'azienda rilasciava sostanze chimiche nocive nei quartieri circostanti.

Vigo, uno dei rari attivisti che accetta di farsi filmare, dice di essere disposto a correre rischi per il cambiamento sociale, ma di sostenere la democrazia: "La democrazia è la spina dorsale della società - dice Vigo -. Sarebbe difficile vivere senza di essa. Ma l'attuale governo sta ostacolando le azioni per il clima".

Last Generation. Lützerath, Germania

La tappa successiva è Lützerath, dove gli attivisti per il clima si sono riuniti per fermare l'espansione di una miniera di carbone. Per impedire ai lavoratori di accedere alla miniera, i membri di Last Generation bloccano una strada incollando le mani all'asfalto.

Il nostro reporter intervista uno di loro, Joel, che ha già trascorso del tempo in prigione per aver bloccato delle strade. Joel ricorda la sentenza della Corte costituzionale federale tedesca, che nel 2021 ha condannato il governo per l'inazione sul clima.

Brandalism. Bruxelles, Belgio

Tona e Gingko lavorano con il gruppo Brandalism, che si batte contro la promozione di prodotti dannosi per l'ambiente. Hans li accompagna mentre modificano alcuni cartelloni pubblicitari, incollandoci sopra le loro immagini. Uno dei loro cartelloni, affisso sopra le pubblicità di noti marchi di auto, recita: "Pubblicità per la fine dei tempi".

Ritengono di avere il dovere democratico di agire. Tona spiega: "Il diritto di voto per le donne, il diritto a fine settimana liberi, il diritto a formare un sindacato. Tutte queste vittorie sociali sono state ottenute con l'azione diretta".

Dernière Rénovation. Parigi, Francia

Il nostro viaggio si conclude con Sébastien, membro di Dernière Rénovation. Dopo essersi cimentato nel mondo della politica, Sébastien si è sentito frustrato dall'inazione del governo. Hans filma Sébastien mentre imbratta di vernice arancione la sede del ministero della Transizione Ecologica a Parigi. "Chi sono i colpevoli? Il governo sta agendo illegalmente - dice Sébastien -. La nostra vernice verrà lavata via, ma il sangue rimarrà sulle loro mani".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I sindaci tedeschi spiegano perché stanno dando agli attivisti per il clima ciò che chiedono

Spagna, Palma di Maiorca si ribella al turismo di massa

Stonehenge riapre al pubblico dopo il blitz vandalico di Just Stop Oil: "i monoliti sono integri"