EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Amazzonia, un piano internazionale per salvare gli indigeni a rischio estinzione

Donne yanomami in un ospedale pediatrico Santo Antonio, a Boa Vista
Donne yanomami in un ospedale pediatrico Santo Antonio, a Boa Vista Diritti d'autore AP Photo/Edmar Barros
Diritti d'autore AP Photo/Edmar Barros
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un’emergenza che riguarda anche e soprattutto la comunità degli Yanomami nella foresta pluviale a causa non solo della pandemia ma dall’attività mineraria e dalla scarsa sicurezza alimentare

PUBBLICITÀ

In Amazzonia la popolazione indigena rischia di sparire. Un’emergenza che riguarda anche e soprattutto la comunità degli Yanomami nella foresta pluviale a causa non solo della pandemia ma dall’attività mineraria e dalla scarsa sicurezza alimentare.

Il team delle Nazioni Unite in Brasile ha proposto un piano di intervento immediato per dare supporto a queste comunità. L'iniziativa segue la mossa del nuovo governo di Lula da Silva che ha dichiarato lo "stato di emergenza" mentre la polizia federale ha aperto un'inchiesta sul sospetto di genocidio prendendo di mira anche un funzionario legato all'ex presidente Jair Bolsonaro.

Secondo Junior Hekurari, presidente del distretto sanitario indigeno yanomami, ha fatto notare che "loro sono rimasti quattro anni senza assistenza sanitaria nelle comunità. 120 comunità lottano per la vita. Più di 20mila cercatori d'oro nella terra indigena yanomami seminano il terrore con le armi, tutti vivono nella paura.” presidente del consiglio del distretto sanitario indigeno yanomami."

La situazione è disastrosa. Una delle priorità è ora affrontare le minacce ambientali, tra cui quella delle alte concentrazioni di contaminazione da mercurio in diversi fiumi della regione. Inoltre a diffondere malattie agli indigeni con un basso sistema immunitario anche i minatori presenti nella foresta.

Secondo le stime di gruppi ambientalisti e per i diritti degli indigeni, nell'area sono presenti quasi 20.000 lavoratori attratti dall'alto prezzo dell'oro e appoggiati dall'ex presidente Jair Bolsonaro.

Le concessioni minerarie assicurate dai diversi Paesi amazzonici coprono approssimativamente 1,28 milioni di chilometri quadrati, pari al 18% della superficie della foresta amazzonica. Poco meno di un terzo di queste concessioni – circa 450 mila chilometri – si estende nei territori appartenenti ai popoli indigeni, occupando una superficie pari al 20% del totale.

Tra il 2000 e il 2015, la perdita di aree coperte da foreste è stata maggiore nelle terre indigene in cui era presente attività mineraria, rispetto a quelle in cui non erano attive miniere. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Città del Messico, la marcia delle popolazioni indigene tra musica e balli

Madonna riempie la spiaggia di Copacabana: il concerto è record

Inondazioni in Brasile: almeno 55 morti e 70mila sfollati