This content is not available in your region

La guerra del grano

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  MIGUEL MEDINA / AFP

Si stima che circa 22 milioni di tonnellate di grano siano bloccate in Ucraina e la pressione aumenta con l'inizio del nuovo raccolto.

Il paese di solito consegna circa il 30% del suo grano all'Europa, il 30% in Nord Africa e il 40% in Asia. Ma con il blocco navale russo dei porti ucraini del Mar Nero in corso, milioni di tonnellate del raccolto dell'anno scorso non riescono ancora a raggiungere le loro destinazioni, una situazione che potrebbe portare a interruzioni dell'approvvigionamento alimentare mondiale.

Così Yurii Vakulenkv, proprietario dell'azienda agricola "Ukrayina": "Non c'è un buon prezzo per i nostri cereali. Le strutture di stoccaggio si rifiutano di riceverli. La gente deve lasciarli qui. Il fronte non è lontano da qui. In qualsiasi momento ci può essere un bombardamento, o possono dare fuoco ai campi".

I lavoratori rischiano la vita ogni giorno e talvolta saltano sugli ordigni disseminati nei campi.

Il magazzino di Oleksandr Chubuk dovrebbe essere vuoto, in attesa del nuovo raccolto. Invece, i suoi silos in Ucraina centrale sono pieni di grano che non può spedire. Chubuk prevede di raccogliere 500 tonnellate, ma per la prima volta nei suoi 30 anni da agricoltore, è incerto su cosa farne.

Il collo di bottiglia delle esportazioni ha anche un impatto sui prezzi all'esportazione. Prima dell'invasione, Chubuk poteva vendere una tonnellata di grano dalla sua fattoria nella regione di Kiev per $ 270. Ora non riesce a trovare un acquirente nemmeno a $ 135 per tonnellata.

I media internazionali raccontano come agisce la Russia in Ucraina

Oleksandr Chubuk, agricoltore: "Il nostro grano non può entrare nel mercato internazionale ora perché i porti non sono chiusi. La rotta marittima era la più importante. Per questo motivo, la domanda di grano è diminuita. Sono attualmente in fase di sviluppo alcune nuove rotte logistiche attraverso l'Europa. Ma l'Europa non può gestire le grandi quantità di grano che produciamo".

Nota: il porto di Costanza in Romania è emerso come uno dei principali canali per le esportazioni di grano del paese dilaniato dalla guerra.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che il suo Paese sta lavorando con Onu, Ucraina e Russia per trovare una soluzione, offrendo corridoi sicuri nel Mar Nero per le spedizioni di grano.

Attualmente, il 30% delle esportazioni passa attraverso tre porti del fiume Danubio nell'Ucraina sudoccidentale. Il paese sta cercando di spedire grano attraverso 12 valichi di frontiera con i paesi europei, ma i camion devono aspettare in fila per giorni.