EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ucraina: "La Nato non sta facendo nulla"

Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino
Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Davos, il ministro degli Esteri Kuleba ha criticato l'Alleanza atlantica ma elogiato le decisioni "rivoluzionarie" dell'Unione europea

PUBBLICITÀ

Dure critiche alla Nato da parte del ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Intervenendo al Forum economico di Davos in Svizzera, ha affermato che l'Alleanza Atlantica è "messa ai margini e non sta facendo assolutamente nulla" per l'invasione russa del suo paese. Dall’altro lato ha elogiato le inaspettate "decisioni rivoluzionarie" prese dall'Unione europea che hanno cambiato la percezione dell'Ucraina di entrambe le organizzazioni.

I "veri volti" di Nato e Ue

"Vediamo alleati che aiutano l'Ucraina. Vediamo questo gruppo di alleati Nato - ha detto Kuleba - che ci sta aiutando. Ma all'inizio della guerra, il popolo ucraino – era una sensazione condivisa - credeva che la Nato fosse la potenza e che l'Unione europea fosse solo capace di esprimere preoccupazione, di diversi livelli, e basta. Ma la guerra è sempre un test che fa cadere le maschere e tutti abbiamo potuto vedere i volti veri. Abbiamo visto alcune decisioni rivoluzionarie prese dall'Unione Europea, che loro stessi non si aspettavano di prendere, e la Nato come un'alleanza, come un'istituzione messa da parte e che non fa letteralmente nulla, mi dispiace dirlo".

L'adesione di Svezia e Finlandia alla Nato

La Nato sta affrontando vari problemi interni nel pieno del processo di adesione di Svezia e Finlandia. Dopo i primi colloqui ad Ankara con le delegazioni di entrambi i paesi, la Turchia si rifiuta ancora di sbloccare la procedura fino a quando le sue preoccupazioni in materia di sicurezza non saranno risolte.

L'alt della Turchia

In risposta alle affermazioni turche secondo cui la Svezia sarebbe un “focolaio di gruppi terroristici”, la prima ministra svedese Magdalena Andersson ha dichiarato che la Svezia "ovviamente non finanzia né arma organizzazioni terroristiche".

Per approfondire:

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La proposta della Commissione UE: confiscare e vendere i beni russi per ricostruire l'Ucraina

Zelensky a Davos: armi a Ucraina miglior investimento per la stabilità

La Svizzera pensa a più soldi per la difesa: "Esercito debole" dice la ministra Amherd