This content is not available in your region

Se Finlandia e Svezia entrassero nella Nato, rimarrebbero solo 4 Paesi UE fuori dall'Alleanza

Access to the comments Commenti
Di Alice Tidey
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  /Mindaugas Kulbis

A seguito dell'aggressione russa all'Ucraina, Svezia e Finlandia hanno chiesto formalmente di aderire alla NATO e, se accettate, il numero di Stati membri dell'Unione Europea che non fanno parte dell'alleanza militare transatlantica rimarrebbe a quattro.

Si tratta di Austria, Cipro, Irlanda e Malta.

Tutti e quattro sono militarmente neutrali, il che significa che non possono aderire a un'alleanza militare o schierarsi in conflitti militari, o non allineati, il che significa che non favoriscono ufficialmente un blocco di potenze principali.

Nel caso di Cipro e dell'Irlanda, la neutralità si basa storicamente sul fatto che le due isole sono divise in due territori separati. L'Irlanda del Nord fa parte del Regno Unito, mentre Cipro Nord è riconosciuta solo dalla Turchia.

Eppure tutti hanno legami con la NATO. 

L'Austria, l'Irlanda e Malta partecipano al Programma di partenariato per la pace dell'Alleanza, che fornisce un quadro per una maggiore cooperazione politica e militare per attività multilaterali congiunte, come l'assistenza umanitaria, il mantenimento della pace e la gestione delle crisi, e consente ai non membri della NATO di migliorare la loro interoperabilità con la NATO.

Mentre Cipro ha due basi militari britanniche sul suo territorio - e il Regno Unito è un membro della NATO.

L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, avvenuta il 24 febbraio, ha tuttavia acceso il dibattito nella maggior parte dei Paesi europei neutrali sulla legittimità di tale status. Svezia e Finlandia, ad esempio, sono tradizionalmente neutrali, ma l'opinione pubblica si è rapidamente spostata a favore dell'adesione alla NATO quando Mosca ha inviato i suoi carri armati in Ucraina.

Ci sono anche diversi altri Paesi del Vecchio Continente non appartenenti all'UE che non hanno aderito all'Alleanza. Tra questi vi sono Armenia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Moldavia e Serbia, oltre alla Svizzera.

E proprio quest'ultima è forse il Paese neutrale più famoso al mondo, con la prima menzione di questo status risalente al 1515, sebbene sia stata formalmente istituita nel 1815 dopo la sconfitta di Napoleone Bonaparte a Waterloo.

In seguito, ha firmato le Convenzioni dell'Aia del 1907, che hanno codificato la neutralità come parte del diritto internazionale, stabilendo che i Paesi neutrali devono astenersi dall'entrare in guerra, garantire la parità di trattamento agli Stati belligeranti per quanto riguarda l'esportazione di materiale bellico, non fornire truppe mercenarie agli Stati belligeranti e non permettere agli Stati belligeranti di utilizzare il proprio territorio.