Sri Lanka, la protesta dilaga: i fratelli Rajapaksa proclamano lo stato di emergenza

Manifestazioni di protesta a Colombo, capitale dello Sri Lanka. (6.5.2022)
Manifestazioni di protesta a Colombo, capitale dello Sri Lanka. (6.5.2022) Diritti d'autore Eranga Jayawardena/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews - Ansa . AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Presidente e primo ministro scelgono il pugno duro per placare le proteste di piazza, a Colombo e in tutte le città dello Sri Lanka: i cittadini chiedono le dimissioni di entrambi

PUBBLICITÀ

È di nuovo stato di emergenza nello Sri Lanka, per la seconda volta in cinque settimane: la misura, che consente alle forze di sicurezza massima libertà di intervento, è entrata in vigore dalla mezzanotte di sabato.

Un portavoce del premier Mahinda Rajapaksa ha fatto sapere che "lo stato di emergenza è stato istituito per garantire l'ordine pubblico".

Venerdì molte città dello Sri Lanka hanno vissuto l'ennesima giornata di tensione, dopo che i sindacati hanno proclamato uno sciopero generale, al quale ha aderito gran parte dei commercianti, e che ha paralizzato i trasporti.

Le proteste sono esplose nuovamente giovedì, in tutta l'isola, dopo l'elezione del vice-presidente del Parlamento, in quella che è stata vista come una vittoria chiave per la coalizione di governo, altrimenti ad un passo dalla caduta. 

Fratelli al potere

I sindacati hanno annunciato scioperi ad oltranza a partire dal 12 maggio, fino a quando il premier Mahinda Rajapaksa e il presidente Gotabaya Rajapaksa, suo fratello, non si dimetteranno.

Eranga Jayawardena/AP
Fratelli al potere: a sinistra il premier Mahinda Rajapaksa, a destra il presidente Gotabaya Rajapaksa.Eranga Jayawardena/AP

Secondo i regolamenti di emergenza, il presidente Rajapaksa può autorizzare gli arresti, prendere possesso di qualsiasi proprietà e perquisire qualsiasi locale. Può anche cambiare o sospendere qualsiasi legge.

Il cuore delle proteste è l'accampamento - ribattezzato "Hurogogama", ovvero "Villaggio che caccerà i ladri" - allestito dal 9 aprile a Colombo, la capitale dello Sri Lanka, proprio di fronte all'ufficio del Presidente. 

Eranga Jayawardena/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Manifestazioni senza fine contro il governo. (Colombo, Sri Lanka. 6.5.2022)Eranga Jayawardena/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

La polizia ha utilizzato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere le manifestazioni degli studenti, che hanno aderito in maniera massiccia allo sciopero.

Ad un passo dalla bancarotta

Lo Sri Lanka è economicamente ad un passo dalla bancarotta, dopo aver annunciato che sta sospendendo il rimborso dei suoi prestiti esteri e le sue riserve di valuta estera utilizzabili sono crollate sotto i 50 milioni di dollari.
Lo Sri Lanka ha 7 miliardi di dollari di rimborsi di prestiti esteri, quest'anno, su 25 miliardi di dollari da rimborsare entro il 2026. Il suo debito estero totale è di 51 miliardi di dollari.
Ma ancora peggio: i beni di prima necessità sono razionati, le scorte di medicinali sono quasi finite.

**La preoccupazione degli Stati Uniti e della comunità internazionale

**

La proclamazione dello stato di emergenza ha suscitato preoccupazione nella comunità internazionale: in un tweet, l'Ambasciatrice degli Stati Uniti in Sri Lanka, Julie Chung, si è detta preoccupata per "il secondo stato di emergenza. La voce dei cittadini pacifici deve essere ascoltata", ha scritto. "Lo stato di emergenza non aiuterà a risolvere i problemi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sri Lanka, la folla in rivolta occupa il palazzo presidenziale

Via il burqa in Sri Lanka. Verso la chiusura di più di 1.000 madrasse

Sri Lanka, elefanti impazziti durante il corteo religioso: "Sono maltrattati" dicono gli animalisti