This content is not available in your region

Ucraina: tra le macerie delle città distrutte

Access to the comments Commenti
Di Margherita Criscuolo
euronews_icons_loading
Borodyanka, tra le macerie di un palazzo distrutto
Borodyanka, tra le macerie di un palazzo distrutto   -   Diritti d'autore  AP Photo/Vadim Ghirda

In Ucraina a Borodyanka prosegue il lavoro di vigili del fuoco e dei volontari impegnati nella ricerca di corpi sotto la macerie dopo l’abbandono della città da parte dell’esercito russo. Il centro è deserto, ci sono solo detriti. I residenti cercano di recuperare quel che resta dei propri effetti personali.

"I corpi dei miei figli sono sotto le macerie da 36 giorni. Mia figlia e mio genero sono morti. Non ci sono più. Vivo con i miei nipoti, diventati orfani", spiega Maria Vaselenko.

Gli abitanti non hanno più una casa, sono costretti a preparare da mangiare in strada accendendo il fuoco con il legno delle scatole delle munizioni abbandonate per strada.

AP Photo/Petros Giannakouris
Rimasti senza casa, i residenti accendono il fuoco con la legna delle scatole delle munizioniAP Photo/Petros Giannakouris

A Bucha i civili fanno la fila per la distribuzione del cibo donato da una chiesa locale. È passata più di una settimana da quando le truppe russe si sono ritirate dalla città, disseminata di cadaveri di civili per le strade e nelle fosse comuni. In città sono rimasti soprattutto anziani, poveri o chi non ha potuto lasciare i propri cari.

A Barvinkove, nell’est del paese, i soldati delle forze di difesa territoriale si preparano all’offensiva russa, sempre più vicina. A sei settimane dall’inizio dell’invasione, Mosca ha spostato la sua attenzione sull'Ucraina orientale e meridionale dopo la dura e inaspettata resistenza che ha stravolto il piano di conquistare rapidamente Kiev.

A Kramatorsk, dopo il massacro di civili alla stazione ferroviaria – decine i morti e centinaia i feriti a causa delle bombe – gli abitanti lasciano la città a bordo di minibus guidati da autisti volontari in contatto con l'esercito ucraino.

Leggi anche: Zelensky, "per Kramatorsk russi in tribunale per crimini di guerra"

A Mariupol, sotto assedio costante da oltre un mese, i bombardamenti indiscriminati da parte delle forze russe hanno impedito l’evacuaz ione dei civili in diversi corridoi umanitari concordati. Chi voleva fuggire è rimasto imprigionato e ora aspetta un momento favorevole per scappare.