EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ucraina, il ministro Chernyshov a Euronews: "aiuti importanti, ma bisogna chiudere i cieli"

Ucraina, il ministro Chernyshov a Euronews: "aiuti importanti, ma bisogna chiudere i cieli"
Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Anelise Borges
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La nostra corrispondente Anelise Borges ha intervistato il ministro per le Comunità e lo sviluppo territoriale dell'Ucraina

PUBBLICITÀ

Quattro settimane di combattimenti hanno scatenato una crisi umanitaria senza precedenti nella storia recente dell'Europa. Euronews ne ha parlato con Oleksiy Chernyshov il ministro ucraino per lo Sviluppo delle comunità e dei territori, attualmente responsabile degli aiuti umanitari: a lui abbiamo chiesto, innanzitutto, delle condizioni in cui versano alcune delle aree più duramente colpite dal conflitto.

"Mariupol è in una situazione terribile" spiega il Ministro. "Abbiamo notizie di 1.500 edifici completamente distrutti. Non abbiamo la possibilità di portare cibo e acqua alla città. La città è quasi cancellata dalla regione di Donec'k, ma non è l'unica. Abbiamo bombardamenti quotidiani nella seconda città del paese, Kharkiv: più di 800 edifici, in molti casi grattacieli, sono danneggiati e distrutti e questa è ovviamente una catastrofe".

"Mentre facciamo questa intervista - sottolinea Chernyshov - i bombardamenti continuano e la gente sta morendo in diverse città ucraine e il loro numero sta crescendo sempre di più. Quindi, se parliamo di danni, dobbiamo parlare di infrastrutture, incluse strade, edifici residenziali e non residenziali e anche centrali elettriche, anche se fortunatamente non quelle nucleari, e spero che non si arrivi a questo"

L'Unione Europea, il mondo delle Ong e la comunità internazionale intanto proseguono nell'invio di materiale umanitario: un supporto importante, secondo il Ministro, anche se naturalmente non sufficiente a coprire l'enorme fabbisogno di una nazione tarscinata da un giorno all'altro in un vero e proprio disastro.

SERGEY BOBOK/AFP or licensors
le macerie di un edificio dell'Istituto regionale di amministrazione pubblica di Kharkiv danneggiato dai bombardamenti a Kharkiv il 18 marzo 2022SERGEY BOBOK/AFP or licensors

"Stiamo ricevendo un certo volume di aiuti internazionali, soprattutto umanitari. Non direi che è assolutamente sufficiente per coprire tutti i bisogni, ma siamo molto grati per la partecipazione degli europei e di altri paesi nel fornire questo importante aiuto. Ma oltre a questo vorrei attirare la vostra attenzione su qualcosa che secondo noi è più importante, e mi riferisco principalmente alla chiusura dei cieli che è fondamentale ora, è il punto cruciale per il momento".

"Abbiamo missili e bombe che arrivano sulla testa degli ucraini ogni giorno in molte città - continua Chernyshov - e direi che è questo il punto principale su cui dovremmo attirare l'attenzione di tutta la comunità internazionale. Quindi vi chiediamo di aiutarci e insistiamo per chiudere il cielo sopra l'Ucraina".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni russe, nei territori occupati in Ucraina sono i soldati a portare le schede

Gaza, migliaia di sfollati palestinesi in marcia verso il Nord: "Vogliamo tornare a casa"

Haiti, l'allarme del Pam: in corso la peggiore crisi alimentare dal 2010