This content is not available in your region

Non udenti dall'Ucraina soccorsi da associazioni romene in Bucovina

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Non udenti dall'Ucraina soccorsi da associazioni romene in Bucovina
Diritti d'autore  Cleared

La lingua dei segni (che in Italiano si chiama LIS) non è tutta uguale nel mondo. Aiutare i profughi ucraini sordi pretende uno sforzo in più. Qui siamo in Romania dove sono fuggiti ucraini muti o sordomuti che vengono aiutati da operatori locali.

Le difficoltà della traduzione fra le lingue dei segni

La comunicazione dei segni si collega parzialmente all'alfabeto linguistico di riferimento ma in questo caso la distanza fra l'alfabeto latino e quello cirillico crea problemi in più. L'aiuto nella lingua dei segni giunge anche dalle espressioni del viso e dai movimenti del corpo.

Il gruppo dei rifugiati ucraini

Tamara ha lasciato l'Ucraina dopo i primi bombardamenti. Alla dogana di Siret ha incontrato i volontari e si è rifugiata nella città di Botosani, nella regione della Bucovina. Non aveva idea di quanto la guerra l'avrebbe portata lontano da casa. Il suo sogno è di raggiungere Praga.

La maggior parte di questi rifugiati non vuole restare in prossimità dei confini, si sentono troppo vicini all'area del conflitto e hanno paura. Regna su tutto una grande incertezza ma intanto noi ci impegnamo fino a che queste persone decideranno di restare qui
DANIEL HLIBAN, Presidente dell'Associazione Nazionale dei non udenti di Botosani

La solidarietà della Bucovina

I volontari ospitano 13 rifugiati sordi e fra questi ci sono anche dei bambini. Li hanno registrati, come fanno con tutti coloro che stanno arrivando dall'Ucraina giorno e notte. Le associazioni del volontariato romene hanno trovato riparo per i profughi in alberghi, appartamenti, edifici agibili di vario genere. Quasi un migliaio di ucraini con problemi di udito sono stati sostenuti dall'Associazione nazionale romena dei sordi in tutto il Paese. "Ad esempio, un neonato di dieci giorni è arrivato sul confine! Calcolando anche oggi ha 11 giorni di vita ma non aveva neanche il certificato di nascita".: aggiunge il Presidente dell'Associazione Nazionale dei non udenti di  Botosani. "Queste persone reclamano un po' di speranza lo fanno con le loro pauredal mondo del silenzio": spiega il corrispondente di Euronews Romania  Claudiu Popa.

La difficoltà nella difficoltà della guerra

La guerra sconvolge la vita di quasi tre milioni di persone con disabilità che vivono in Ucraina, secondo le Nazioni Unite.

Per favore, fermate la guerra. Abbiamo bisogno di pace. Vogliamo tornare a casa in Ucraina.

Sono queste le loro parole.