This content is not available in your region

Condannati gli uomini che uccisero un afroamericano che faceva jogging

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Condannati gli uomini che uccisero un afroamericano che faceva jogging
Diritti d'autore  Stephen B. Morton/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Sono stati condannati per omicidio premeditato i tre uomini che nel febbraio 2020 freddarono a colpi d'arma da fuoco Ahmaud Arbery, 25enne afroamericano ucciso mentre faceva jogging nella cittadina statunitense di Brunswick in Georgia.

Travis McMichael, che premette il grilletto, suo padre Gregory McMichael, e il loro vicino, William Bryan, sono stati riconosciuti colpevoli di diversi capi d'accusa, oltre all'omicidio. A inchiodarli, il video registrato da un cellulare che li riprese mentre raggiungevano l'uomo con il loro fuoristrada, per poi freddarlo dopo una breve colluttazione.

Arbery venne inseguito a lungo dai tre imputati, che affermano di essersi insospettiti dopo averlo visto entrare in un edificio in costruzione: la loro linea di difesa in aula consisteva infatti nel sostenere di averlo scambiato per l'autore di una serie di furti locali.

La giuria ha deliberato per poco meno di 12 ore prima di condannare i tre uomini per molteplici accuse di omicidio.

"È stata una lotta lunga e dura - ha detto alla fine del processo la madre di Ahmaud Arbery, Wanda Cooper Jones - ma Dio è buono. All'inizio, nel 2020, non pensavo che questo giorno sarebbe mai arrivato".

"E che si sparga la voce in tutto il mondo - le ha fatto eco il Reverendo Al Sharpton, storico leader afroamericano nel movimento per i diritti civili - che una giuria di 11 bianchi e un nero nel profondo sud si è alzata in aula e ha detto che le vite nere contano".

I tre uomini - che dovranno inoltre affrontare un processo per crimini d'odio - rischiano ora un minimo di un ergastolo ciascuno. Starà al giudice decidere se con o senza la possibilità di libertà vigilata.