This content is not available in your region

Greta: "La Cop26 è un fallimento". Migliaia di giovani in corteo a Glasgow

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
Greta: "La Cop26 è un fallimento". Migliaia di giovani in corteo a Glasgow
Diritti d'autore  Jon Super/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Al Kelvingrove Park di Glasgow Greta Thunberg ha lanciato il suo messaggio nello sciopero del clima del venerdì. "E' chiaro a tutti che la CoP26 è un fallimento. Un accusa ai leader e ai potenti del mondo che secondo la giovane attivista usano solo belle parole. Ma fatti concreti ben pochi.  

Una denuncia condivisa dai movimenti ecologisti a partire dagli attivisti dei Fridays For Future. "Doveva essere la COP26 più esclusiva di sempre. Una conferenza dell’Onu storica, ha tuonato Greta dal palco. Invece si sta rivelando solo un Festival del business, un evento di due settimane, il solito bla bla bla", ha tuonato la giovane Greta. "Questa conferenza ha escluso di più le voci dal basso, ha detto l'attivista, sottolineando che non si può affrontare la minaccia del cambiamento climatico "con gli stessi metodi che hanno portato il mondo a doverla affrontare."

"La non-azione dei leader distrugge l'ambiente"

L’altro lato di questa COP26, quello delle proteste, dei cortei, e dei sit-in ha come obiettivo richiamare l’attenzione dei potenti e delle aziende sul fatto che il tempo sta scadendo. Per le associazioni bisogna mettere al centro la salute dell'ambiente e dei cittadini, prendere impegni e metterli in atto. Ma subito, non nel 2050.

"Ho molta paura, dice una ragazza presente, perché probabilmente non vedremo questo futuro di cui tutti parlano. Io come mio marito spesso ci domandiamo che vita avranno i nostri figli su un pianeta del genere. C’è solo distruzione e inquinamento. E’ un pianeta dove i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali non sono rispettati.”

Intanto per le vie di Glasgow un corteo colorato e pacifico 100mila giovani attivisti hanno lanciato il loro messaggio ai capi di governo dei Paesi più potenti. La speranza è che venga intrapresa un’azione concreta e immediata contro la crisi climatica. Per le nuove generazioni il tempo delle parole è scaduto.