ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Obbligati a pagare, per lasciare i centri di migranti in Libia"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
"Obbligati a pagare, per lasciare i centri di migranti in Libia"
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Quattro anni di torture e abusi sessuali e un riscatto da chiedere alle famiglie come unica via di fuga. È la nuova frontiera delle violenze nei centri per migranti in Libia, raccontata all'Associated Press da diversi profughi africani, soccorsi nel Mediterraneo da un'imbarcazione di Medici senza frontiere.

"Violenze e torture mi hanno piegato: ho pagato e sono libero"

"Sono stato maltrattato e torturato - racconta uno di loro -. E tutto questo, perché non volevo pagare il riscatto che pretendevano dalla mia famiglia. Alla fine mi sono dovuto arrendere: ho pagato e finalmente sono libero. Libero dalla prigionia. Via dalla Libia". "I guardiani non avevano alcuna pietà di noi neri - agginge un altro -. Ci consideravano come carne da macello. Persone ormai senza futuro e senza speranza e con cui potersi quindi permettere tutto".

ONU: nuovi elementi che accrediterebbero "crimini contro l'umanità"

Denunce che, insieme alle cicatrici iscritte sui loro corpi, potrebbero secondo le Nazioni Unite provare dei crimini contro l'umanità. Indizi che si aggiungono a quelli già emersi da un rapporto ONU della scorsa settimana, proprio sulle violenze subite dai migranti intercettati in mare e rispediti in Libia.