EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Francia, guerra d'Algeria: Macron chiede scusa agli harki

Furono più di 200mila gli harki che commatterono al fianco dell'esercito francese durante la guerra d'Algeria
Furono più di 200mila gli harki che commatterono al fianco dell'esercito francese durante la guerra d'Algeria Diritti d'autore GONZALO FUENTES/AFP
Diritti d'autore GONZALO FUENTES/AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il presidente francese ha annunciato un progetto di legge di "riconoscimento e riparazione" per gli algerini che, tra il 1954 e il 1962, combatterono a fianco dell'esercito francese durante il conflitto

PUBBLICITÀ

Emmanuel Macron chiede perdono agli harki a nome della Francia. Sessant'anni dopo la fine della guerra d'Algeria, il presidente francese ha annunciato un progetto di legge di "riconoscimento e riparazione" per gli algerini che, tra il 1954 e il 1962, combatterono a fianco dell'esercito francese durante il conflitto contro il locale Fronte di liberazione nazionale.

"La Francia ha contratto un debito nei loro confronti. Ai combattenti abbandonati, alle loro famiglie che hanno sofferto la prigionia, chiedo perdono. Non dimenticheremo", ha detto Macron durante una cerimonia all'Eliseo a cui hanno preso parte 300 persone, tra cui alcuni degli harkis che parteciparono alla guerra.

La legge annunciata da Macron, a lungo richiesta dalle associazioni, potrebbe essere presentata prima della fine dell'anno. Una commissione dovrà prima valutare le richieste di risarcimento dei veterani e dei discendenti.

Nel corso del conflitto l'esercito francese reclutò sul posto oltre 200mila algerini. Ma una volta terminato il conflitto, alla maggior parte di loro fu negata l'accoglienza in Francia. Considerati traditori dal nuovo regime di Algeri, furono vittime di rappresaglie sanguinose. Chi riuscì a lasciare l'Algeria, portandosi appresso la famiglia, fu alloggiato in campi di transito e ricollocazione, con condizioni di vita durissime. In totale ne arrivarono in Francia circa 90mila fino al 1965.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Francia: molotov contro sinagoga a Rouen, ucciso attentatore: "Atto antisemita" dice Darmanin

Francia, giornata di sciopero nelle carceri dopo l'attacco letale al furgone penitenziario