ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Chi è la giornalista fuggita dalla Bielorussia subito prima del dirottamento

Di Emil Filenborg & Stefan Weichert
Arina Malinovskaya   -
Arina Malinovskaya -   -   Diritti d'autore  foto: Stefan Weichert
Dimensioni di testo Aa Aa

Subito prima che Roman Protasevich, il giornalista dissidente che il regime bielorusso ha riportato in patria con un clamoroso dirottamento aereo, si imbarcasse sul fatidico volo, le autorità di Minsk erano sulle tracce di un'altra giornalista fortemente critica verso il governo Lukashenko.

Arina Malinovskaya, una giovane reporter che lavora per il canale satellitare polacco Belsat, aveva intervistato due ex poliziotti bielorussi. Seppur non rivelasse nulla di particolarmente inedito, il racconto di come le autorità avessero detto loro di inseguire i manifestanti dopo le contestate elezioni presidenziali dello scorso agosto è stato sufficiente ad attirare l'attenzione del regime.

Giorni dopo la messa in onda, Malinovskaya si è nascosta mentre la polizia bussava forte alla porta del suo appartamento. Subito dopo, l'elettricità all'abitazione è stata tagliata. A quel punto, la 23enne sapeva che era ora di lasciare il paese.

Così, portando solo il suo passaporto, i soldi e poche cose essenziali nella sua borsa, è fuggita a Kiev.

È arrivata nella capitale ucraina il 23 maggio, lo stesso giorno in cui il volo Ryanair dalla Grecia alla Lituania è stato dirottato a Minsk, dove Protasevich arrestato.

"Ho dovuto lasciare la Bielorussia per proteggermi", ha detto a Euronews. "Non ho fatto nulla di illegale. Il giornalismo non dovrebbe essere un crimine".

Ma, pur avendo probabilmente salvato la reporter dalla detenzione, la fuga sembra aver messo in pericolo la sua famiglia.

Non molto tempo dopo il suo arrivo, Malinovskaya ha ricevuto una chiamata da una prigione bielorussa. Suo cognato era appena stato arrestato, e le ha detto che non sarebbe stato rilasciato finché lei non fosse tornata nel paese per affrontare il processo. Un uomo, identificatosi come appartenente al dipartimento degli affari interni del distretto Leninsky in Bielorussia, ha preso il telefono e le ha ordinato di tornare in Bielorussia, minacciando di perseguire i suoi nonni se si fosse rifiutata.

"Vogliono attirarmi in questo modo, per farmi venire", spiega la giornalista a Euronews. "Per farmi pressione in qualche modo, manipolarmi. Ma non lo accetterò, non tornerò lì. Spero solo che finisca presto.

"Credo che se mi lascio manipolare, ciò servirà solo a farmi cadere in trappola e non porterà a nulla di buono. Spero solo che tutto vada bene, perché per le persone buone non può continuare ad andare tutto male".

Le elezioni contestate

La Bielorussia è sprofondata nella crisi lo scorso agosto quando il leader di lunga data Alexander Lukashenko ha rivendicato la vittoria alle elezioni presidenziali. A Lukashenko è stato attribuito l'80% dei voti, ma in molti, nel paese e fuori, sostengono che il voto sia stato truccato a suo favore.

Decine di migliaia di persone sono scese in strada per protestare all'indomani delle elezioni: in quei giorni, la polizia ha arrestato più di 30.000 persone in un'ondata repressiva che pareva inarrestabile. Anche quando le proteste sono scemate, le autorità hanno continuato a prendere di mira i sostenitori dell'opposizione e i giornalisti indipendenti.

Tra questi ultimi figura anche Protasevich, stato arrestato il 23 maggio appena sceso dal volo deviato verso la capitale bielorussa. La Bielorussia ha affermato che dietro il cambio di rotta imposto in volo al velivolo Ryanair ci sarebbe stata la necessità di sventare una presunta minaccia terroristica, ma i critici di Lukashenko hanno bollato la mossa come pirateria aerea sponsorizzata dallo stato.

"Superate molte linee rosse"

In una seconda chiamata dal carcere, il cognato di Malinovskaya le ha nuovamente chiesto quando sarebbe tornata in Bielorussia. "Non mi lasceranno andare finché non dirai qualcosa di chiaro sul tuo arrivo", le ha detto.

La giornalista dice che quella è stata la sua ultima comunicazione con lui, aggiungendo che non è sicura di cosa possa essergli successo.

"Sapevo che sarebbe stato pericoloso lavorare per Belsat TV", aggiunge Malinovskaya. "Ho soppesato tutti i rischi, ma ho pensato: se non io, chi? La gente dovrebbe sapere cosa sta succedendo nel paese".

Prima di Malinovskaya, altre due colleghe di Belsat Tv - le giornaliste televisive Katerina Andreyeva, 27 anni, e Daria Chultsova, 23 anni - sono state condannate a due anni lo scorso febbraio, dopo essere state arrestate a novembre mentre trasmettevano in diretta da un appartamento una protesta non autorizzata.

Malinovskaya ha detto che vorrebbe evitare un destino simile, ma si sente in colpa per essersi lasciata tutto alle spalle.

"Non c'era una tale pressione sui giornalisti in Bielorussia prima delle elezioni presidenziali nell'agosto dello scorso anno", ha detto. "Ora, non mi è permesso tornare nel paese. Le cose sono molto peggiorate ora".

La giornalista dice che tutti i colleghi di Belsat hanno dovuto lavorare senza accredito stampa perché la Bielorussia voleva soffocare le voci critiche.

"Ultimamente, il regime ha superato molte linee rosse", ha detto Aleksy Dzikawicki, direttore editoriale della programmazione informativa di Belsat. "Non è mai stato facile per noi lavorare in Bielorussia, ma i nostri giornalisti non erano mai stati arrestati per più di due o tre settimane prima d'ora. Due nostre colleghe ora resteranno imprigionate per i prossimi due anni"

"Questa è la prima linea rossa. La seconda è il rapimento di parenti e la richiesta ai giornalisti di venire nelle stazioni di polizia. È terribile. È il terrore del regime contro i suoi stessi cittadini e i suoi stessi giornalisti. Non era mai successo prima".

Stanislav Ivashkevich è un produttore di programmi investigativi e di analisi politica su Belsat. "Le minacce verso i familiari - dice - sono relativamente nuove, e stanno sicuramente aumentando di intensità. I giornalisti in Bielorussia non hanno davvero alcuna protezione a questo punto, e il trattamento ora è più duro che mai".

Secondo Ivashkevich, nelle carceri bielorusse - che al momento sono più sovraffollate che mai - la polizia avrebbe iniziato mette secchi di cloro all'interno delle celle per rendere più difficile la respirazione. I giornalisti vengono maltrattati, ha aggiunto, ma i metodi più brutali sono riservati agli attivisti dell'opposizione.

"Loro a volte messi in celle d'isolamento, senza letti", ha affermato. "Si gela, e possono dormire solo per dieci o quindici minuti prima di doversi alzare e fare qualche attività fisica per tenersi caldi". Secondo il produttore, nel paese si parla di alcuni attivisti dell'opposizione che sarebbero morti in prigione. "Sentiamo parlare anche di un impennata nelle torture".

"Stato totalitario"

Dopo Protasevich, è toccato ad Aliaksei Shota, direttore di un popolare sito di notizie in una delle più grandi città della Bielorussia, essere arrestato.

A maggio, il governo bielorusso ha fatto irruzione negli uffici e chiuso il sito web di TUT.BY, uno dei maggiori portali di notizie indipendenti del paese.

"Il primo obiettivo del governo era quello di sopprimere e fermare le grandi proteste che abbiamo visto l'anno scorso", ha detto a Euronews Kamil Klysinski, un senior fellow del Centre for Eastern Studies, un think tank focalizzato sulla Bielorussia. "Ed è stato raggiunto questo inverno. Quasi nessuno si raduna più in strada ora".

"Ora il governo guarda indietro per trovare leader e voci critiche, e temo che quello che abbiamo visto di recente sia solo il primo passo".

"Il loro comportamento va contro ogni standard. Un obiettivo è quello di ferire e vendicare tutti i principali oppositori sia all'estero che all'interno del paese. Vogliono mandare il chiaro segnale che le autorità possono anche trattenerti, anche se sei all'estero.

"Hanno iniziato ad andare contro i membri delle famiglie, i genitori. Non hanno limiti ora, e ho paura che vedremo di peggio".

"Lukashenko - conclude - sta sviluppando una macchina che cerca di controllare tutto e che è pronta a distruggere tutto. La Bielorussia si è trasformata in qualcosa di sempre più simile a uno stato totalitario".

Euronews ha contattato il ministero degli esteri bielorusso per commentare le affermazioni riportate in questo articolo. Al momento della pubblicazione, non è pervenuta risposta