EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Francia, cosa succede ai migranti che vengono trasferiti da Parigi

Tendopoli, Porte de La Villette - Parigi, 2019
Tendopoli, Porte de La Villette - Parigi, 2019 Diritti d'autore Kamil Zihnioglu/Copyright 2019 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Kamil Zihnioglu/Copyright 2019 The AP. All rights reserved.
Di Lily Radziemski
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

A maggio, il governo francese ha presentato un nuovo piano per trasferire i migranti fuori da Parigi. L'idea ha raccolto sia elogi che critiche

PUBBLICITÀ

Siamo nel 10° arrondissement di Marsiglia, in un vicolo alberato adiacente a un parco. Yonatan, richiedente asilo eritreo, siede a un tavolo di plastica bianca nell'ufficio di un complesso di appartamenti. In uno di questi edifici ha vissuto per tre settimane prima di essere trasferito altrove. Dove non si sa ancora. 

A maggio, il governo francese ha introdotto un nuovo piano per trasferire i migranti da Parigi ad altre città del Paese. Yonatan è entrato volontariamente a far parte di questo progetto che comprende dieci complessi abitativi che vengono utilizzati nel periodo intermedio prima di trovare soluzioni residenziali a più lungo termine.

L'iniziativa ha raccolto elogi ma anche diverse critiche. La dispersione delle domande dalla capitale, eccessivamente concentrata, dovrebbe accelerare i tempi di elaborazione, rendendo potenzialmente più veloce per i richiedenti asilo e i rifugiati l'ottenimento di uno status ufficiale. 

Il costo della vita tende a essere più basso nelle città al di fuori di Parigi. Ma alcuni sostengono che l'iniziativa del Ministero degli Interni sia politica e motivata da una buona ottica in vista delle Olimpiadi. Al momento non si sa ancora come andrà a finire nel lungo termine.

"Esistono una buona politica migratoria e buoni approcci all'integrazione", ha dichiarato Nasar Meer, professore di sociologia all'Università di Edimburgo. "Ma non sono politicamente gratificanti per chi vuole dimostrare di essere duro con gli immigrati. Richiede una certa maturità e la volontà di perseguire una buona governance e purtroppo, guardando l'Europa al momento, questo sembra piuttosto assente".

La vita nella metrò parigina

Il viaggio di Yonatan verso la Francia è iniziato in Sudan, dove era proprietario di un negozio di barbiere a Khartoum.

"Mi è costato solo 2.500 euro aprire un negozio, ho messo quattro poltrone e tutto andava bene", ha raccontato.

Quando nel Paese è scoppiata la guerra civile, ha pagato 2.000 euro per attraversare il confine con la Libia, abbandonando l'attività. Da lì ha pagato altri 2.000 euro a un contrabbandiere per attraversare il Mediterraneo.

"C'erano troppe persone sulla barca", ha detto, con le mani leggermente piegate sulle ginocchia, senza interrompere il contatto visivo. "Molte persone sono morte." 

Lui si ritiene fortunato perché la sua traversata è durata solo sei giorni. "Siamo stati fortunati. Il tempo era buono quando ero in mare", ha detto. "C'erano 80 persone e un bambino".

Yonatan ha viaggiato dall'Italia a Nizza e Marsiglia e poi si è diretto a nord per raggiungere il campo migranti improvvisato sotto la stazione della metropolitana di Stalingrad a Parigi.

"Stalingrad è stazione molto affollata, è famosa", ha detto Yonatan con una certa rassegnazione.

Salvatore Cavalli/AP
Migrants wait to disembark from a ship in the Sicilian port of Catania, Wednesday, April 12, 2023.Salvatore Cavalli/AP

La crisi abitativa dei migranti a Parigi

La stazione di Stalingrad è diventata uno degli esempi più visibili della crisi abitativa dei migranti a Parigi. Centinaia di persone vivono in tende in attesa dei documenti di soggiorno e di un lavoro. 

Da maggio, gli autobus portano le persone fuori dal campo profughi verso altre zone della Francia come parte del nuovo piano.

Dopo l'arrivo nella città di destinazione, e dopo un periodo di tre settimane in un alloggio, c'è una valutazione che determina la destinazione successiva, idealmente una soluzione di alloggio a lungo termine da qualche parte nella stessa regione. 

L'obiettivo è quello di distribuire parte del lavoro amministrativo alle regioni che hanno una maggiore capacità di gestirlo.

"Le persone arrivano in autobus ogni tre settimane, a volte 40, 25... dipende dal numero di persone pronte a venire, perché uno dei presupposti e delle condizioni che abbiamo stabilito per questo progetto è che le persone vengano qui volontariamente", ha detto a Euronews, Nicolas Hue, uno dei direttori regionali del programma. "Non vengono messi su autobus e portati via".

Yonatan ha deciso di salire sull'autobus per Marsiglia.

PUBBLICITÀ
Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
Migrants mainly from Sudan, and Chad, Africa, gather in a makeshift camp along side of the Porte de la Villette ring bridge in Paris, Friday, Jan. 11, 2019.Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.Francois Mori

Destinazione...Parigi o Marsiglia"

"Sono felice di essere qui. Marsiglia è bella, il clima è stupendo come tutto il resto", dice Yonatan accennando un leggero sorriso. Finora è stato in questo complesso per due delle tre settimane previste. Anche la casa è carina".

Al mattino prende l'autobus per Castellane per fare la spesa, ha cinque euro di buoni pasto al giorno. Nel pomeriggio poi fa lunghe camminate.

"Cammino per la città, a volte inizio a camminare da qui fino alla Gare Saint-Charles", ci racconta. "È per questo che mi piace Marsiglia, perché vedo tutto. Vedo la gente che nuota, che si gode la vita. È bello. Faccio solo questo". Lui preferirebbe lavorare, dice, ma non può farlo senza documenti.

Se tutto va secondo i piani, Yonatan sarà trasferito in un centro regionale alla fine delle tre settimane. Ma quando gli è stato chiesto dove sarebbe andato, ha risposto che sarebbe tornato al campo di Stalingrad, poiché c'era un problema con le sue impronte digitali.

Hue e Souiouf Abdou, il direttore associato dei rifugi temporanei regionali (SAS), sono subito intervenuti, insistendo sul fatto che si poteva fare un'eccezione perché si trattava di un problema amministrativo, assicurando a Yonatan che non aveva nulla di cui preoccuparsi.

PUBBLICITÀ

Lui ha risposto "ok", ma un paio di minuti dopo ha detto che forse sarebbe tornato a Parigi per prendere la valigia che aveva lasciato. I partecipanti al programma non sono obbligati a seguirlo fino in fondo: Yonatan può andarci quando vuole.

"Ci sono ragioni per cui le persone vanno a Parigi piuttosto che a Marsiglia, possono avere una famiglia lì, degli amici lì, dei legami precedenti con quel luogo", ha detto a Euronews Nasar Meer, professore di sociologia all'Università di Edimburgo. "Allontanare le persone da legami precedenti che possono essere d'aiuto penso che qualcosa di traumatizzante".

Ora le tre settimane sono passate. Raggiunto per un commento, Hue non ha rivelato dove si trovi adesso Yonatan, per questioni di riservatezza.

In cerca di una vita migliore ma spesso è un inferno

Il trasferimento di richiedenti asilo e rifugiati è abbastanza comune in Europa.

Il Regno Unito, per molto tempo, ha adottato una "strategia di dispersione"", ha detto Meer. Con "dispersione" si intende spostare le persone che arrivano nel sud-est, a Londra e nelle aree circostanti, e farle girare per il Paese".

PUBBLICITÀ

"Tutto questo non è molto positivo per le persone che chiedono asilo. Quello che succede è che vengono bloccate in questa terribile burocrazia, vengono bloccate in questi centri di trattamento che sono lenti e inefficienti, ma questi posti sono spesso come prigioni. Così le persone che sono libere, che vengono a chiedere asilo per una vita migliore, finiscono effettivamente rinchiuse".

Ma ci sono altri esempi in cui questo è stato un successo.

"In Italia, per molto tempo, c'è stato un approccio molto locale in Calabria, dove le città si sono riunite e hanno ospitato le persone in luoghi che erano storicamente sottopopolati, o che erano stati spopolati perché la gente si era trasferita al nord per motivi economici", ha detto Meer. "È diventato un luogo di vero e proprio reinsediamento".

Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
A view of the Bibby Stockholm accommodation barge, which will house up to 500 asylum seekers, at Portland Port in Dorset, England, Friday, July 21, 2023.Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.Francois Mori

Casa, cibo, documenti, lavoro

Il tempo ci dirà se questo avrà successo anche in Francia.

"Una casa e un'abitazione non sono la stessa cosa. Le persone formano la loro casa in comunità con un'esperienza o una storia condivisa di sopravvivenza alla migrazione e ai traumi", ha detto Meer. "Questa potrebbe essere la cosa più importante e preziosa che possono fare, cioè mantenere le persone che possono condividere le loro esperienze di sopravvivenza in una vicinanza sufficiente per poter guarire".

PUBBLICITÀ

Yonatan aspira a lavorare in un negozio di barbiere, ma ha smesso di sperare in qualcosa che vada oltre le necessità di base.

"Prima, quando ero giovane, forse avevo sogni e speranze. Ora non esistono più per me", ha detto. "Casa, cibo, documenti, lavoro... questo è il mio sogno ora".

Intanto sulla t-shirt di Yonatan campeggia la scritta: "FELICITÀ INFINITA".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rapporto Ocse 2023: numeri legati alla migrazione mai così alti

Vertice Med 9, a Malta pochi passi avanti sulla questione migratoria

In Armenia la crisi dei rifugiati rischia di provocare una crisi politica