This content is not available in your region

Stati Uniti, l'invasione alle porte: in arrivo migliaia di cicale "zombie"

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  AFP
Un esemplare di cicala "zombie"
Un esemplare di cicala "zombie"   -   Diritti d'autore  Carolyn Kaster/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

L'ultima volta accadde nel 2004: George W. Bush era presidente degli Stati Uniti, Facebook era neonato e Twitter non era neppure allo stato embrionale.

Ora sono tornate. Attese con ansia e inquietudine da alcuni quanto con trepidazione da altri, i primi esemplari, con i loro penetranti occhi rossi, già fanno capolino nell'est statunitense.

la muta di una cicala, ripresa in tempo reale

A breve brulicheranno a migliaia: la grande invasione delle cicale "zombie" è un fenomeno temuto e atteso, che si verifica all'incirca ogni 17 anni, e in vista degli quale la rete è già tutta un ribollire di consigli, aneddoti, e leggende urbane.

Il fenomeno è conosciuto come "Brood X", e questi insetti devono il loro inquitante soprannome - "zombie" - all'abitudine di riemergere periodicamente, e in massa, dal sottosuolo.

Miliardi di ninfe hanno trascorso quasi due decenni sottoterra: ora emergeranno, faranno la muta e si accoppieranno, per poi deporre le uova e andare tranquillamente a morire.

Il tutto con l'imponente colonna sonora del canto con cui i maschi cercheranno di richiamare le femmine: e che, con un'invasione di questa portata, assumerà dimensioni da film apocalittico.

La corsa agli avvistamenti

Le cicale sono ormai già emerse dal loro lungo sonno, e l'arrivo in massa nel soprassuolo è previsto per i prossimi giorni, se non nelle prossime ore.

Il momento esatto è difficile da stabilire, perché dipenderà dalle condizioni climatiche, e soprattutto dalla temperatura del terreno. Tuttavia, un probabile raffreddamento potrebbe ritardare l'invasione.

I residenti hanno osservato per settimane i segni del loro arrivo, condividendo le foto dei tunnel che hanno scavato per farsi strada verso la superficie.

Il primo a segnalare l'evento su Twitter è stato Tim Pfeiffer 28enne di Silver Spring, Maryland, vicino a Washington, D.C., che ha postato video di alcuni esemplari sulla sua veranda.

All'Agenzia France Presse Pfeiffer ha ammesso di essere "più preoccupato che eccitato"; "ma se sono abbastanza disgustosi nel loro stato pupale - ha spiegato - vederli assumere la forma adulta in meno di un'ora è affascinante".

Attraverso l'hashtag #CicadaWatch2021, i cacciatori di cicale stanno condividendo le loro immagini sui social network. È stata sviluppata anche un'app per documentare l'annata 2021, geolocalizzando i luoghi dove gli insetti sono stati avvistati e fotografati.

Fare attenzione

L'argomento è al momento tra i più dibattuti sul social network "di quartiere" Nextdoor, che si sta riempiendo di consigli e "dritte" su come coesistere pacificamente con le cicale quando inizieranno a volare in giro.

"Comprate una visiera protettiva, mettetevi un berretto, portatevi dietro uno schiacciamosche e non abbassate i finestrini quando siete alla guida", consiglia un utente.

Attenzione, avvertono coloro che hanno già sperimentato l'arrivo delle cicale: non bisogna rischiare un incidente lasciandosi sorprendere al volante dagli insetti che sono venuti a "trovarvi" nell'abitacolo.

Anche in bicicletta bisogna stare attenti, dice un altro utente di Nextdoor, che invita i ciclisti a "pedalare lentamente" perché "le cicale schiacciate sulle piste ciclabili sono molto scivolose".

Paragone infelice

Ma a parte questo, le cicale sono perlopiù innocue, e il paragone con le devastanti cavallette - per quanto calzante con il periodo di pandemie e sciagure assortite - non rende loro giustizia

Le cicale possono danneggiare alcuni arbusti, ma non sono dannose per gli alberi e le piante in generale.

E "non mordono né pungono". Non rapiranno bambini o cani come le scimmie nel Mago di Oz", ha spiegato umoristicamente Michael J. Raupp, un entomologo dell'Università del Maryland, alla CBS Baltimora.

"Non disturbano nemmeno i barbecue - aggiunge - perché si nutrono di "linfa: non sono interessate ad hamburger e hot dog".

D'altra parte, i più avventurosi, che si dicono pronti a trasformarle in cibo, possono consultare le ricette pubblicate nel 2004 dalla biologa Jenna Jadin su Internet: con i funghi o al cioccolato, ce n'è davvero per tutti i gusti.

Cercando a fondo, si possono trovare ricette per cicale cotte letteralmente "in tutte le salse". Ad esempio, nel tweet qui sopra, un utente Twitter suggerisce di servirle nel naan dopo averle saltate con aglio nel vino bianco con aglio.

Che dire? Buon appetito