EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La crisi nera dei ristoratori britannici: ecco quanti soldi perde un buon ristorante

La crisi nera dei ristoratori britannici: ecco quanti soldi perde un buon ristorante
Diritti d'autore LINDSEY PARNABY/AFP or licensors
Diritti d'autore LINDSEY PARNABY/AFP or licensors
Di TADHG ENRIGHT
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alle prese con la sfilza dei lockdown molti chef britannici si trovano veramente a mal partito. Solo per il primo confinamento gli aiuti di stato erano stati adeguati

PUBBLICITÀ

Il Regno Unito entra nel suo terzo lockdown proprio quando in tanti speravano di vedere la fine del tunnel. Il bilancio quotidiano delle vittime della pandemia è diminuito, ma il governo britannico non sta più considerando la possibilità di riaprire questo mese, lasciando i proprietari di attività chiuse a chiedersi quanto tempo ancora potranno sopravvivere.

Testimonianza dal ristorante chiuso

Siamo andati in vista ad un ristoratore stellato che se la cava come può studiando nuovi metodi di sopravvivenza. "Determinazione incrollabile e conto in banca corazzato. La nostra azienda costa circa 20.000 dollari al mese solo per restare chiusa. Forse ci danno un massimo di 5.000 dollari al mese in sovvenzioni. Quindi il deficit è importante. Il governo ha pagato tutto appena abbiamo chiuso il locale al primo lockdown. Questa volta è molto più difficile. Il governo pagherà gli effettivi costi dei salari , ma c'è ancora da pagare l'assicurazione e i contributi sociali. Siamo sui 10.000 dollari al mese soltanto per mantenere la squadra". Ci spiega Luke Garnsworthy, proprietario del ristorante.

La corsa ad ostacoli

All'inizio della terza chiusura si sperava di vedere la fine ma il governo sta seguendo i consigli degli esperti sanitari e non si sa quando gli esercenti potranno riaprire. "Nessuno può pianificare. Non puoi andare in banca per ottenere altri prestiti. Non puoi andare dal tuo padrone di casa a chiedere aiuto per l'affitto perché nessuno sa quando finirà.... per una data esatta e da rispettare ci vuole un'idea di quando potremmo essere in grado di riaprire con la sequenza delle operazioni di riapertura". Spiega la manager Kate Nicholls.

I gestori più danneggiati

Garnsworthy deve far fronte all'incertezza continua e si sente sulle spalle una attività che aveva avviato proprio poco prima dell'arrivo del virus. " Abbiamo in programma di aprire da aprile a settembre con varie configurazioni. Ho iniziato da zero con mia moglie cinque, sei anni fa. Non mi arrenderò e continueremo a combattere- prosegue Garnsworthy - Abbiamo fatto un prestito sostanzialmente per aprire il ristorante Henley l'anno scorso, proprio all'inizio della pandemia. Non abbiamo mai realmente aperto. E dovremmo cominciare a pagare il mutuo. Finora i creditori sono stati clementi ma tutto potrebbe cambiare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ristoratori, la protesta si allarga in tutta Italia

Covid-19 fuori controllo in Gran Bretagna: oltre 1500 morti in 24 ore

Londra, la movida e il Covid-19. Gran Bretagna tra proteste e restrizioni