ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ristoratori, la protesta si allarga in tutta Italia

Access to the comments Commenti
Di Redazione italiana
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  AFPTV
Dimensioni di testo Aa Aa

La protesta dei ristoratori si allarga a molte città italiane : a Napoli, molti rappresentanti delle piccole imprese hanno protestato in piazza del Plebiscito, chiedendo a gran voce la riapertura dei negozi, che dicono essere vicini al collasso e privi del sostegno statale.

Tensioni e vibrate proteste si regitrano, tra l'altro, anche a Firenze e Genova.

Appena qualche giorno fa, rabbia, disperazione e violenza di fronte a Montecitorio a Roma dove centinaia di ristoratori protestavano per le misure anticovid.

Ad indire la protesta il Mio Italia, Movimento Io Apro, La Rete delle Partite Iva, ed altre associazioni.

Molti erano senza mascherina e fra di loro anche un uomo vestito da sciamano per scimmiottare il manifestante di Capitol Hill a Washington.

Anche folklore in mezzo a disperazione vera

Aldilà del folklore tuttavia, la disperazione di molti era reale e la tensione era esplosa quando, dopo il comizio di Vittorio Sgarbi, qualcuno ha provato a sfondare il cordone di Polizia e Carabinieri antistante il Parlamento.

Fitto il lancio di bottiglie. Intonato più volte anche l'inno di Italia, così come molti sono stati gli insulti lanciati contro il Ministro della Salute Roberto Speranza e il Governo di Mario Draghi.

Movimenti di destra hanno cercato di mettere il cappello sulla protesta, ma la rabbia era generalizzata viste le migliaia di attività che hanno chiuso a causa del Covid.

Un paio di agenti sono rimasti feriti, i portavoce dei manifestanti sono stati chiari: "I ristori non bastano e noi stiamo morendo un DPCM alla volta".