ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Migranti minacciati e "costretti a salire sulle barche" per attraversare la Manica

Polizia di frontiera sulla spiaggia di Oye-Plage, vicino Calais. Qui è stato trovato il corpo di un sudanese di 16 anni annegato nel tentativo di raggiungere la Gran Bretagna
Polizia di frontiera sulla spiaggia di Oye-Plage, vicino Calais. Qui è stato trovato il corpo di un sudanese di 16 anni annegato nel tentativo di raggiungere la Gran Bretagna   -   Diritti d'autore  Michel Spingler/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Alcuni migranti che attraversano la Manica vengono minacciati da bande criminali in Francia, costretti a salire su piccole imbarcazioni alla volta del Regno Unito anche contro la loro volontà.

A dirlo è stato Dan O'Mahoney, ex marine nominato comandante in capo per affrontare quella che è stata definita la "minaccia clandestini della Manica".

L'ex commando della Royal Marine ha affermato che in molti casi i migranti sono alla mercé dei contrabbandieri e non sono neanche a conoscenza della loro destinazione.

O'Mahoney ha testimoniato davanti alla Commissione parlamentare per gli Affari Interni. Il giorno precedente, un numero record di migranti - oltre 400 - sono stati intercettati dopo aver attraversato il Canale della Manica a bordo di piccole imbarcazioni.

"Sentiamo un sacco di storie di migranti che sono letteralmente costretti a salire sulle barche, non hanno idea di dove si trovino quando arrivano nel Regno Unito. I facilitatori non vengono pagati fino a quando non hanno portato a termine l'ultima tappa del viaggio", le parole di O'Mahoney. "C'è un'enorme campagna di disinformazione in corso: i facilitatori dicono ai migranti che nel Regno Unito le strade sono lastricate d'oro".

Il Ministero degli Interni stima che quest'anno oltre 5.600 migranti abbiano attraversato la Manica via mare.

Il numero delle partenze è aumentato notevolmente nel corso dell'estate. Di recente è stato ritrovato il corpo di un uomo sudanese, morto annegato nel tentativo di lasciare la costa francese.

Tuttavia, negli ultimi mesi il numero complessivo di richieste di asilo nel Regno Unito è diminuito drasticamente. Durante l'interrogazione davanti alla commissione parlamentare, Abi Tierney, responsabile visti dell'Immigrazione britannica, ha detto che "in termini numerici, Francia, Germania, Italia e Grecia accettano una percentuale molto più grande di richiedenti asilo, e lì rimangono. Un numero molto più piccolo viene da noi".

Il comitato sta facendo luce sulle rotte migratorie e sul numero di richieste di asilo nel Regno Unito, ma anche sull'approccio generale del governo per combattere la criminalità organizzata ed aumentare la cooperazione con altri paesi.

La Francia "impegnata" a fermare le traversate

O'Mahoney, che lavora a stretto contatto con le autorità francesi, ha elogiato gli sforzi di Parigi.

"Sono impegnati quanto noi. Hanno impedito a 3mila persone di effettuare l'attraversamento della Manica quest'anno. Solamente ieri, a quasi 200 persone", le sue parole. In un caso, mercoledì scorso, i francesi hanno fermato un grande gommone con 63 persone a bordo in procinto di lasciare la spiaggia.

Tuttavia, ha aggiunto O'Mahoney, il numero di traversate rimane ancora "troppo alto".

Un alto funzionario della National Crime Agency del Regno Unito ha criticato le aziende proprietarie dei principali social media per non bloccare gli account utilizzati dai trafficanti di esseri umani.

"Nei primi cinque mesi dell'anno, abbiamo segnalato oltre 1.200 pagine collegate ai trafficanti", le parole di Rob Jones ai deputati britannici. "Di queste, 578 sono state chiuse. Ma 485 domande sono state respinte perché i profili non violavano i termini e le condizioni".

Da diversi anni quella della Manica è una delle rotte migratorie più battute. Molti migranti provengono dalle zone più povere e più devastate dai conflitti del pianeta.

Il governo britannico indica che il 98% dei nuovi arrivati quest'anno ha chiesto asilo. Circa la metà di questi sono riusciti a far esaminare la propria richiesta. Tra le richieste esaminate, il 20% sono state accolte, il 10% respinte mentre le altre non sono state considerate di competenza del Regno Unito.

Il Regno Unito chiede un cambiamento delle norme in materia di asilo

Il Regno Unito sta cercando sempre più di rimpatriare i migranti che attraversano la Manica. Giovedì scorso, per esempio, sono state riportate in Spagna 11 persone sbarcate al di là del Canale.

Il governo Johnson si scaglia contro le attuali norme sull'asilo per giustificare il numero relativamente basso di persone che vengono rimpatriate in Europa continentale.

Secondo la legislazione UE - che il Regno Unito osserva ancora durante il periodo di transizione di 11 mesi dopo la Brexit - le domande di asilo possono essere trasferite nel primo Stato membro in cui il migrante è entrato.

Il governo britannico ha più volte criticato il regolamento di Dublino, che cesserà di essere applicato nel Regno Unito dal prossimo gennaio. Spinge per un nuovo accordo in materia di immigrazione, ma l'Unione Europea finora ha respinto le proposte britanniche per facilitare il trasferimento dei richiedenti asilo verso altri Paesi.

In prospettiva, il Regno Unito rischia di rimanere senza meccanismi legali o accordi con le altre nazioni europee.

Il mese scorso, un gruppo di deputati del Partito conservatore ha scritto al governo chiedendo un maggiore sforzo contro i "migranti invasori". Politici, ma anche gli stessi ministri del governo, si sono scagliati contro gli "avvocati attivisti" che aiutano i richiedenti asilo.

I gruppi per i diritti umani, per parte loro, hanno criticato la posizione del governo e la natura tossica del dibattito sulla migrazione. Hanno chiesto che vengano predisposti corridoi sicuri per coloro che cercano protezione internazionale.

L'ex calciatore e presentatore televisivo inglese, Gary Lineker, ha dichiarato di essere pronto ad ospitare un rifugiato a casa sua, come indica l'associazione Refugees at Home.

La prospettiva europea

Secondo statistiche UE, il numero di domande di asilo per milione di abitanti nel Regno Unito (158) è inferiore alla metà della media UE (336) nel primo trimestre del 2020.

In Grecia - dove la cifra è di 1.869 richiedenti per milione di persone - è in corso uno sforzo europeo per trasferire i bambini dai campi di migranti sovraffollati verso altri paesi.

Un volo che trasportava 31 bambini, assieme ai loro parenti stretti - 118 persone in tutto - è arrivato ad Hannover in Germania giovedì scorso, come ha riferito il ministero dell'Interno del Paese. Si tratta del quarto trasferimento di questo tipo da luglio scorso in avanti.

La Germania ha accettato di accogliere più di 900 persone, tra cui 243 bambini bisognosi di cure mediche.

I minori sono stati trasferiti anche in altri Stati come Lussemburgo, Irlanda, Portogallo, Finlandia, Belgio e Francia.