ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le Olimpiadi al tempo del covid

euronews_icons_loading
Le Olimpiadi al tempo del covid
Diritti d'autore  Tokyo COI
Dimensioni di testo Aa Aa

Pronti via, anzi no. Il 24 luglio sarebbe dovuta iniziare l’Olimpiade. Tokyo adesso l’attende per il 23, stesso mese, ma un anno dopo. Sono tanti ancora i dubbi, forse solo un vaccino o un farmaco potrebbe davvero salvare l'appuntamento.

Sembrano lontanissime le dichiarazioni di Jacques Rogge, allora presidente del Comitato Olimpico Internazionale quando annunciò il paese ospitante.

Oggi il presidente del Cio, Thomas Bach, è convinto che: "Questi Giochi Olimpici di Tokyo dovranno essere e saranno la luce alla fine del tunnel in cui si trova tutta l'umanità in questo momento".

Ma i giapponesi, popolo ligio alle regole non vogliono che il paese si trasformi in untore. Nessuno da queste parti crede che il covid sparirà da qui a un anno.

Così un ragazzo: "Non credo che dovrebbero andare avanti. Non credo che (il coronavirus) si risolverà tra un anno. Fra quattro anni c'è già un altro paese ospite - spero che si possa considerare (Tokyo) come paese ospite per un'altra occasione".

Intanto il tempo passa, gli atleti invecchiano e cercano di allungare la carriera verso un traguardo sempre più mobile, che viene spostato e che potrebbe anche non esserci. Gli azzurri ad esempio, hanno 2/3 del contingente qualificato. Ma fra una anno, o forse di più, le cose potrebbero cambiare.