ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Da 75 anni le armi tacciono in Europa, il Vecchio Continente celebra online la Vittoria

euronews_icons_loading
Da 75 anni le armi tacciono in Europa, il Vecchio Continente celebra online la Vittoria
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La lotta contro il coronavirus "richiede lo stesso spirito di impresa nazionale" della lotta contro Hitler e la Germania nazista. Il premier britannico Boris Johnson usa il giorno dell'anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale in Europa per lanciare un messaggio di unità al paese messo in ginocchio dalla pandemia.

Questo 8 maggio segna 75 anni da quando le armi hanno taciuto in Europa. Nel 75esimo anniversario della giornata della vittoria, giorno in cui gli alleati accettarono formalmente la resa incondizionata delle forze armate della Germania nazista, le cerimonie online sostituiranno in gran parte gli eventi che erano stati programmati per oggi nei vari paesi.

Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier e la cancelliera Angela Merkel depositeranno una corona al Memoriale dedicato alle vittime della guerra e della dittatura. Tutti gli altri eventi programmati, alla Porta di Brandeburgo e in altri siti storici, erano stati cancellati il mese scorso.

Johnson: serve stesso spirito 1945 per lotta a coronavirus

In occasione del 75esimo anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale in Europa, il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato che la lotta contro il coronavirus "richiede lo stesso spirito di impresa nazionale" della lotta contro Hitler e la Germania nazista.

"Siamo sopravvissuti e abbiamo trionfato grazie all'eroismo di innumerevoli persone comuni che adesso saranno anziane ma una volta hanno portato sulle loro spalle il destino della libertà stessa", ha detto. "Tutti noi che siamo nati dal 1945 in poi siamo davvero coscienti che dobbiamo tutto quello che riteniamo più caro alla generazione che ha vinto la Seconda guerra mondiale".

Cerimonie senza pubblico, eventi online

Cerimonie prevalentemente online anche nel Regno Unito, dove per il 75mo del VE Day, Victory in Europe Day, era stata organizzata una parata nei pressi di Buckingham Palace. La maggior parte degli eventi è stata cancellata, rimandata o trasformata in celebrazioni online.

Nell'abbazia di Westminister è in programma una cerimonia trasmessa online a partire dalle 12 e le emittenti britanniche diffonderanno un messaggio della Regina Elisabetta questa sera alle 21, esattamente 75 anni dopo il discorso pronunciato da suo padre, Giorgio VI. Anche gli eventi in programma in Francia sono stati circoscritti: il presidente francese Emmanuel Macron presiederà una cerimonia all'Arc de Triomphe a Parigi, senza la presenza del pubblico.

Stoltenberg: "Nato fondata su rovine Seconda Guerra mondiale"

"Oggi segniamo 75 anni da quando le armi hanno taciuto in Europa. La Nato fu fondata sulle rovine della Seconda Guerra mondiale, creando un legame indissolubile tra Europa e Nord America. Oggi siamo 30 amici e alleati. Noi ricordiamo. E siamo più forti insieme". E' quanto scrive il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, su Twitter ricordando la Giornata della vittoria in Europa, la cosiddetta VE Day, che fu proclamata l'8 maggio del 1945, quando si concluse la Seconda Guerra mondiale in Europa.