ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Stati Uniti, migliaia di soldati in partenza verso il Medio oriente: Trump minaccia l'Iran

Stati Uniti, migliaia di soldati in partenza verso il Medio oriente: Trump minaccia l'Iran
Diritti d'autore
AP
Dimensioni di testo Aa Aa

I manifestanti scendono in strada a Washington e tutto il resto degli Stati Uniti, per protestare contro l'assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani e le manovre belliche preparate dall'amminsitrazione Trump.

Circa 200 persone si sono radunate di fronte alla Casa Bianca esponendo cartelli e scandendo slogan pacifisti. Lo stesso è accaduto a Chicago di fronte alla Trump Tower, uno degli edifici simbolo del presidente statunitense.

E intanto Donald Trump ha minacciato dure ritorsioni se Teheran dovesse reagire alla morte del generale. "Abbiamo già 52 siti iraniani nel mirino - scrive in un tweet - molti di grande importanza per la cultura iraniana, uno per ogni ostaggio americano preso dall'Iran molti anni fa. E queesti bersagli saranno colpiti in maniera molto dura e rapida. Gli Stati Uniti non accetteranno ulteriori minacce".

Prosegue intanto il dispiegamento di forte verso il Medio Oriente: a Fort Bragg, in North Carolina, aerei carichi di equipaggiamento e soldati dell'82esima aviotrasportata continuano a decollare verso il Kuwait.

I militari andranno a unirsi ai 650 effettivi già dispiegati questa settimana, dopo l'attacco all'ambasciata statunitense a Baghdad. Altri 2.900 soldati il Dipartimento della difesa prevede di inviarli nei prossimi giorni, per un totale di 3.500 nella regione.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.