ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Verso una guerra Iran-Usa? Ecco cosa dicono gli esperti

Verso una guerra Iran-Usa? Ecco cosa dicono gli esperti
Diritti d'autore  IRIB
Dimensioni di testo Aa Aa

L'uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani da parte degli Stati Uniti può far piombare i due paesi in una guerra feroce. Lo pensano molti analisti internazionali. Euronews ha intervistato sul tema diversi esperti.

Gli americani hanno commesso un errore tattico uccidendo Soleimani

"Gli americani hanno commesso un errore tattico uccidendo Soleimani- dice Vladimir Sotnikov, direttore del Centro di studi e analisi strategici Russia-Est-Ovest - Penso che l'omicidio di Soleimani sia stato un errore. Forse il presidente Trump non è stato ben informato dai suoi consiglieri di politica estera. In ogni caso, ha preso una decisione puramente impulsiva, se è stato lui a prenderla.

"Gli americani non hanno commesso un errore strategico, ma tattico - continua l'analista - Questo omicidio ha scatenato una nuova ondata di feroce anti-americanismo in Iran. Trump, nella sua campagna elettorale, ha promesso di negoziare con l'Iran.

Il momento è stato scelto molto male

"Qui, infatti, il suo errore è stato che il momento è stato scelto molto male: in termini sia di programma nucleare iraniano che di relazioni statunitensi con i loro partner mediorientali. Le conseguenze potrebbero essere una forte tensione tra Stati Uniti e Iran, crescente instabilità in Iraq e negli Stati vicini. Tutto ciò può essere valutato come una decisione sbagliata del presidente Trump.

Il ministero degli Esteri russo ha definito l'accaduto un tentativo avventuroso. Questa critica è piuttosto mitigata, ma naturalmente, quando gli americani commettono un errore, danno un vantaggio alla Russia e a quegli Stati che la sostengono" conclude.

Il rischio di inciampare in una guerra a vera e propria ora è più alto che mai

"Le conseguenze dell'assassinio del generale Soleimani in questa fase sono incerte, ma ciò che è certo è che l'Iran prenderà le proprie misure di ritorsione in modo proporzionato o sproporzionato, ma in entrambi i casi i rischi di escalation e di finire in una guerra a tutti gli effetti è probabilmente ora più elevato che in qualsiasi momento negli ultimi decenni" dice Ali Vaez, direttore del progetto iraniano dell'Ong Crisis Group e professore aggiunto alla Georgetown University.

"Il parlamento iraniano ora cadrà nelle mani degli elementi più militanti e difficili del sistema iraniano - continua il professore - Ciò ha anche il potenziale di cambiare completamente il focus della rabbia interna contro la stagnazione politica e la stagnazione economica verso questioni di sicurezza nazionale e aiutare il sistema iraniano a radunare la popolazione attorno alla bandiera. E allo stesso modo in cui la guerra Iran-Iraq ha sostanzialmente contribuito a consolidare la Repubblica islamica, penso che questa misura possa aiutare l'Iran a cambiare argomento a livello nazionale e militarizzare e cartolarizzare la sfera interna attorno la minaccia alla sicurezza nazionale rappresentata dagli Stati Uniti".