EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

60 anni fa il Camerun era il primo paese centroafricano a staccarsi dalla Francia

60 anni fa il Camerun era il primo paese centroafricano a staccarsi dalla Francia
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Camerun paga ancora lo scotto di una spartizione coloniale scellerata che ha condizionato, e forse reso impossibile, la creazione di una solida identità

PUBBLICITÀ

Da 3 anni il Camerun sconta una dura guerra civile che affonda le sue radici nel colonialismo. Le regioni anglofone reclamano maggiore autonomia e rispetto dei propri diritti, mentre il governo di Yaoundé ignora la crisi che pure ha generato circa 700mila sfollati interni oltre a qualche migliaio di morti.

Una passato complicato

Ex colonia portoghese, poi tedesca, quindi inglese e francese il Camerun è stato il primo di 17 paesi africani a ottenere l'indipendenza dal 1960. Questo sessantesimo anniversario non è molto felice per via degli attacchi di Boko Haram e il resto delle conflittualità interne.

Il flagello del terrorismo colpisce anche i vicini del Camerun, che pure celebreranno i 60 anni di indipendenza nel 2020, come Niger (3 agosto), Ciad (11 agosto) e Nigeria (1 ottobre).

Va aggiunto che se il Camerun francese raggiunse l’indipendenza nel 1960, quello anglofono l’ebbe nel 1961. Le aree settentrionali ex britanniche scelsero comunque di integrare la Nigeria mentre la regione Occidentale, affacciata sul Golfo di Guinea, costituì  la nascente Federazione bilingue del Camerun.

La stagione dell'indipendenza

Nel 1972 il presidente Ahmadou Ahidja abolì il federalismo e divise l’area anglofona in due province: Nord – Ovest e Sud – Ovest. La politica di centralizzazione proseguì con Paul Biya in carica dal 1982. Il vecchio presidente camerunense, recentemente riconfermato, in 38 anni di governo ha favorito il già dominante Camerun francofono.

La costruzione dell'indipendenza monetaria

La riforma del franco africano, introdotto da Parigi negli anni 40 nelle sue colonie africane, prevede che dal luglio di quest'anno le banche centrali dell’Africa occidentale non debbano più depositare la metà delle loro riserve presso la Banca di Francia, la speranza è che la relativa indipendenza finanziaria non segua lo stesso destino conflittuale dell'indipendeza politica.  Il Camerun paga ancora lo scotto di una spartizione coloniale scellerata che ha condizionato, e forse reso impossibile, la creazione di un’identità nazionale coesa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kylian Mbappé, ricongiungimento alle radici in Camerun

Elezioni in Ciad: risultati provvisori indicano Deby Itno vincitore, le denunce delle opposizioni

Migranti: Isole Canarie sotto pressione per il numero di arrivi