L'industria del turismo francese alle prese con rivolte e disordini sociali

Turisti scattano foto davanti alla Piramide nel cortile del Museo del Louvre a Parigi, Francia, il 20 giugno 2022\.
Turisti scattano foto davanti alla Piramide nel cortile del Museo del Louvre a Parigi, Francia, il 20 giugno 2022\. Diritti d'autore AP Photo
Di Estelle Nilsson-JulienEdizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con l'inizio della stagione delle vacanze, come se la cava la destinazione turistica numero uno al mondo - la Francia - dopo una settimana di disordini? "L'impatto delle violenze è stato contenuto", dice il presidente della Federazione francese del turismo

PUBBLICITÀ

Con l'inizio delle vacanze estive, la Francia è alle prese con un clima sociale di forte tensione.

Il 27 giugno scorso, un ragazzo di 17 anni, Nahel, è stato ucciso da un agente di polizia nel sobborgo parigino di Nanterre.
La rabbia si è presto diffusa in tutto il Paese.

Ma come se la cava l'industria turistica francese, di fronte a questi episodi?

"Non ho mai avuto una paura del genere in Francia".

"Ho sentito dei petardi, sembravano spari", spiega Catherine Cuchet, un'espatriata francese che vive in Grecia.

Sabato pomeriggio (1° luglio) era in giro per negozi a Lione, quando la tensione ha cominciato a salire: "Non ho mai avuto una paura simile in Francia, ma non mi lascerò intimidire. Ora mi sto recando a Bordeaux, un'altra grande città, per la prossima tappa del mio viaggio".

AP Photo
Lione, 30 giugno 2023.AP Photo

Altri, viceversa, hanno dovuto modificare i loro piani di vacanza a causa dei disordini.

"Abbiamo preso due degli ultimi posti in treno da Marsiglia. Tutti i treni sono stati fermati, ma l'abbiamo saputo solo perché un altro turista ci ha avvertito", spiega Spencer White, un turista americano in viaggio con la moglie.

"Ora stiamo andando a Parigi da Lione, ma siamo fiduciosi che il resto del nostro viaggio si svolgerà senza problemi".

"Perdite da 5.000 a 6.000 euro nel fine settimana"

Alcuni proprietari di attività commerciali, che puntano sull'alta stagione, si stanno ancora faticosamente riprendendo dai disordini, che hanno raggiunto l'apice lo scorso fine settimana (dal 30 giugno al 2 luglio).

"Sabato è stata la notte peggiore degli ultimi tre anni per la nostra attività. Abbiamo perso tra i 5.000 e i 6.000 euro", spiega Hugo Neyrand.
Il suo ristorante si trova nel centro storico della città vecchia di Lione.

Euronews
Hugo Neyrand durante l'intervista.Euronews

Il ristorante di Hugo Neyrand serve fino a 600 persone al giorno, in alta stagione. Tuttavia, l'ultima settimana è stata diversa: "L'atmosfera non è normale per questo periodo dell'anno, sono già iniziate le cancellazioni. Speriamo si fermino".

Nonostante ciò, la Federazione francese del turismo, ADN Tourisme, insiste sul fatto che l'impatto dei disordini sia stato modesto.

"Ho parlato con i direttori degli alberghi di Marsiglia, che hanno registrato un leggero calo delle prenotazioni durante il fine settimana, ma ora la situazione si sta stabilizzando. Le violenze si sono accanite soprattutto sui negozi, piuttosto che sulle strutture turistiche", spiega François de Canson, presidente di ADN Tourisme.

Euronews
François de Canson, President di ADN Tourisme.Euronews

Tuttavia, il presidente della Federazione del turismo non può fare a meno di preoccuparsi dell'immagine che i turisti avranno della Francia: "Vogliamo rassicurare i nostri turisti europei e internazionali che la Francia è un Paese ospitale".

Questa non è la prima ondata di disordini sociali che colpisce la Francia nel 2023. All'inizio di quest'anno, le proteste contro la riforma delle pensioni, voluta dal presidente Emmanuel Macron, hanno raggiunto picchi di violenza e hanno fatto notizia in tutto il mondo.
Anche le immagini di cumuli di rifiuti a Parigi sono diventate virali sui social media, in seguito agli scioperi degli addetti alla raccolta della spazzatura.

"Non abbiamo mai pensato di cancellare il nostro viaggio"

Bernice Rivera, un'insegnante in viaggio con un gruppo di studenti di Porto Rico, è arrivata a Lione dopo gli eventi del fine settimana. E ha deciso di proseguire il viaggio scolastico.

"Alcuni dei genitori degli studenti erano preoccupati, ma li ho rassicurati. In città, ho mostrato ai miei studenti dove ci sono i segni della protesta e ho spiegato loro la situazione politica".

In totale, più di 3.600 persone sono state arrestate dopo "les èmeutes" in tutta la Francia. La media dei detenuti è di 17 anni, secondo il Ministero degli Interni.

PUBBLICITÀ

Le violenze hanno provocato il ferimento di oltre 800 agenti delle forze dell'ordine.
I tribunali francesi stanno facendo gli straordinari per processare "per direttissima" gli arrestati.

Karoliina Haaplehto, una turista finlandese in viaggio con il fidanzato, non vuole assolutamente abbandonare la Francia.
"Abbiamo seguito i telegiornali, ma non abbiamo mai pensato di cancellare il nostro viaggio, perché, anche se ci sono stati degli scontri, riteniamo che la Francia sia un luogo sicuro in cui viaggiare".

Risorse addizionali per questo articolo • TRADUZIONE - DOPPIAGGIO - WEB: CRISTIANO TASSINARI

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turisti maleducati spingono Bali a introdurre divieto di arrampicata

Macron: "La fase più acuta della rivolta è alle spalle"

Quando entreranno in vigore i nuovi controlli alle frontiere dell'Ue? Tutto quello che c'è da sapere su EES e ETIAS