EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Google difenderà gli utenti dell'IA generativa dalle accuse di violazione del copyright

Google è il primo nel settore a offrire un'indennità completa agli utenti della sua IA generativa.
Google è il primo nel settore a offrire un'indennità completa agli utenti della sua IA generativa. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il gigante tecnologico ha dichiarato che indennizzerà gli utenti delle sue IA generative, ma ha aggiunto che non aiuterà le persone che "violano intenzionalmente i diritti degli altri"

PUBBLICITÀ

Google ha dichiarato che difenderà gli utenti dei sistemi di intelligenza artificiale generativa delle sue piattaforme Google Cloud e Workspace, se accusati di violazioni della proprietà intellettuale, unendosi a Microsoft, Adobe e altre aziende che hanno preso impegni simili.

Le grandi aziende tecnologiche hanno investito molto nell'IA generativa e stanno correndo per incorporarla nei loro prodotti.

Importanti scrittori, illustratori e altri titolari di diritti d'autore hanno dichiarato in diverse cause che violano i loro diritti sia l'uso del loro lavoro per addestrare i sistemi di intelligenza artificiale sia i contenuti creati da questi ultimi.

"A quanto ci risulta, Google è la prima azienda del settore a offrire un approccio completo e duplice all'indennizzo" che copre specificamente entrambi i tipi di reclami, ha dichiarato un portavoce dell'azienda.

Google ha dichiarato che la nuova politica si applica al software, compresa la piattaforma di sviluppo Vertex AI e il sistema Duet AI, che genera testo e immagini nei programmi Google Workspace e Cloud.

Il comunicato stampa non menziona il più noto programma di chatbot generativi di Google, Bard.

L'azienda ha inoltre dichiarato che l'indennizzo non si applica se gli utenti "creano o utilizzano intenzionalmente output generati per violare i diritti di altri".

La nuova ondata di cause legali sull'IA generativa ha generalmente preso di mira le aziende proprietarie dei sistemi, tra cui Google, e non i singoli utenti finali.

I difensori dell'IA hanno affermato che l'uso di dati di addestramento prelevati da Internet per addestrare i loro sistemi si qualifica come uso corretto ai sensi della legge statunitense sul copyright.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

25 anni di Google: è possibile tenere sotto controllo il "gigante"?

L'Ue designa i "gatekeeper" dell'economia digitale: Amazon, Apple, Google, Meta, Microsoft e TikTok

YouTube e X non hanno contrastato le fake news prima delle elezioni europee