EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

I salari effettivi sono in calo in Europa: quali sono i Paesi che hanno registrato le maggiori variazioni salariali?

I livelli record di inflazione - causati in parte dalla COVID e dalla guerra in Ucraina - hanno visto scendere i salari reali nella maggior parte dei Paesi europei.
I livelli record di inflazione - causati in parte dalla COVID e dalla guerra in Ucraina - hanno visto scendere i salari reali nella maggior parte dei Paesi europei. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Servet Yanatma
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'inflazione record ha eroso gran parte della crescita dei salari nominali, ecco quali sono i Paesi più colpiti

PUBBLICITÀ

Nel 2022, i tassi di inflazione hanno scosso l'Unione europea, raggiungendo livelli mai visti negli ultimi quattro decenni. 

Tra il 1997 e la fine del 2021, l'inflazione annua più alta nell'Ue è stata solo del 4,4%, registrata nel luglio 2008.

Nell'ottobre 2022. ha raggiunto l'11,5%: dopo questo picco, l'inflazione ha iniziato a scendere, ma a giugno di quest'anno era ancora al 6,4% nell'Ue.

Impatto del coronavirus e dell'invasione dell'Ucraina

Secondo il rapporto Employment Outlook 2023 Artificial Intelligence and the Labour Market (dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), la crisi dovuta al Covid è stata seguita da una significativa impennata dei prezzi, aumentati nel 2021 a causa della rapida ripresa dalla pandemia e delle relative strozzature della catena di approvvigionamento. 

Poi, nel corso del 2022, l'impatto sui prezzi dell'energia della guerra russa contro l'Ucraina ha spinto nuovamente l'inflazione verso l'alto.

Le famiglie stanno lottando per far fronte alla conseguente crisi del costo della vita: quasi tutti gli Stati membri hanno aumentato il salario orario nell'ultimo anno, ma l'aumento è stato in termini nominali: in altre parole, non si tiene conto dell'inflazione.

Nel primo trimestre del 2023, il salario orario reale è diminuito in 22 Paesi europei su 24: ciò significa che gli aumenti nominali sono stati inferiori all'inflazione, determinando di conseguenza un calo dei salari reali.

Il salario orario reale è aumentato solo in Belgio (2,9%) e nei Paesi Bassi (0,4%) tra i primi trimestri del 2022 e del 2023.

Il calo dei salari reali varia dallo 0,8% del Lussemburgo al 15,6% dell'Ungheria in questo periodo.

Il calo è stato notevole in diversi Paesi dell'Unione, in quanto le retribuzioni orarie reali sono diminuite di oltre il 5%. 

L'Ungheria è seguita da Lettonia (-13,4%), Repubblica Ceca (-10,4%) e Svezia (-8,4%).

Salari effettivi in calo in Regno Unito, Francia e Germania

Le retribuzioni orarie reali sono diminuite anche in Francia (1,8%), Regno Unito (2,9%) e Germania (3,3%).

Le retribuzioni orarie nominali sono aumentate in tutti i 24 Paesi della lista, con tassi che variano dallo 0,6% della Finlandia al 13,6% della Lituania.

La crescita su base annua delle retribuzioni orarie nominali è stata del 9,8% in Ungheria, del 6,1% nel Regno Unito e del 4,2% in Francia.

Evidentemente, tutti questi aumenti salariali non sono stati sufficienti, tranne che in Belgio e nei Paesi Bassi, perché il tasso d'inflazione è rimasto superiore alla crescita nominale dei salari.

Il tasso di inflazione annuale tra i primi trimestri del 2022 e del 2023 variava dal 3,2% della Svizzera al 25,4% dell'Ungheria: in questo periodo, si è complessivamente attestato al 9,4% nell'Ue.

Anche l'indice armonizzato dei prezzi al consumo è aumentato del 9% nel Regno Unito, dell'8,2% in Germania e del 6% in Francia, nello stesso periodo.

Salari reali dopo la pandemia

Come sono cambiati i salari reali in Europa dall'inizio della pandemia?

PUBBLICITÀ

I salari reali sono attualmente inferiori ai livelli pre-pandemia nella maggior parte dei Paesi, nonostante la recente crescita dei salari nominali. 

I dati Ocse mostrano che le retribuzioni orarie reali tra gli ultimi trimestri del 2019 e del 2022 sono diminuite nella maggior parte dei Paesi Ocse in Europa.

Ecco, nella slide che segue, la variazione cumulativa delle retribuzioni orarie reali tra il quarto trimestre 2019 e il quarto trimestre 2022.

La variazione cumulativa delle retribuzioni orarie reali in questi tre anni varia da -9,6% in Estonia a 7,1% in Lituania: in questo periodo, i salari reali sono diminuiti in 18 dei 25 Paesi.

Le retribuzioni orarie reali sono aumentate dell'1,9% nel Regno Unito, seguito dalla Francia (1,5%), mentre in Germania sono diminuite del 3,2%.

PUBBLICITÀ

I settori a bassa retribuzione sono andati relativamente meglio

Mentre i salari reali sono in calo in generale, i lavoratori dei settori a bassa retribuzione hanno spesso avuto una situazione relativamente migliore, secondo il rapporto dell'Ocse.

La variazione tra i primi trimestri del 2022 e del 2023 ha dimostrato che i salari reali sono stati migliori nei settori a bassa retribuzione rispetto a quelli ad alta retribuzione in 13 Paesi europei (su 23 con dati disponibili).

La Grecia ne è un esempio eccellente: i salari reali nelle industrie a bassa retribuzione sono aumentati del 5,1%.

Anche in questo gruppo la variazione è stata migliore rispetto alle industrie a media retribuzione in 14 Paesi.

Tuttavia, non si tratta di un modello molto forte, poiché le variazioni nei settori ad alta retribuzione sono leggermente migliori di quelle nei settori a bassa retribuzione in alcuni Paesi come Italia, Portogallo e Regno Unito.

PUBBLICITÀ

I settori sono aggregati in tre grandi gruppi:

Industrie a bassa retribuzione: Servizi di alloggio e ristorazione, servizi amministrativi e di supporto, attività artistiche, di intrattenimento e ricreative, commercio all'ingrosso e al dettaglio.

Industrie a media retribuzione: Trasporto e magazzinaggio, industria manifatturiera, altri servizi, attività immobiliari, costruzioni.

Industrie ad alta retribuzione: Sanità e assistenza sociale, istruzione, attività professionali, informazione e comunicazione, finanza e assicurazioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Charles Michel: "l'Ue deve essere pronta ad accogliere nuovi membri entro il 2030"

Ecco Pibot, il robot umanoide in grado di pilotare un aereo in sicurezza

Così l'AI potrebbe sconvolgere il mercato del lavoro