EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Unione europea: il gruppo di estrema destra di Orbán conquista nuovi membri

Con dieci eurodeputati di Fidesz, sette di ANO, sei di FPÖ, due di Chega! e potenzialmente otto della Lega, potrebbero partire con 33 eurodeputati.
Con dieci eurodeputati di Fidesz, sette di ANO, sei di FPÖ, due di Chega! e potenzialmente otto della Lega, potrebbero partire con 33 eurodeputati. Diritti d'autore Laszlo Balogh/Laszlo Balogh
Diritti d'autore Laszlo Balogh/Laszlo Balogh
Di Gerardo Fortuna
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'offerta del partito di governo ungherese di guidare i populisti europei ha suscitato interesse ma potrebbe presto scontrarsi con i rivali di Italia e Francia

PUBBLICITÀ

La nuova alleanza di estrema destra "Patrioti d'Europa", presentata solo due giorni fa, sta già attirando pretendenti, riflettendo una più ampia lotta per il potere tra i nazionalisti dell'Ue.

Annunciata il 30 giugno scorso da partiti radicali ungheresi, austriaci e cechi, i Patrioti mirano a diventare il più grande gruppo di estrema destra del Parlamento europeo, e non mancano certo le opzioni per aumentare l'adesione.

Il giorno dopo, il partito populista di destra portoghese Chega! ha aderito all'alleanza secondo quanto riportato dal premier ungherese.

Ciò porta due eurodeputati nell'alleanza i cui fondatori includono il Fidesz di Viktor Orbán, il Partito della libertà dell'Austria (FPÖ) di Herbert Kickl e l'Ano dell'ex premier ceco Andrej Babis.

L'alleanza sta "crescendo in modo incredibile, più velocemente di quanto si possa pensare", ha dichiarato Viktor Orbán in un'intervista al canale televisivo ungherese M1 lunedì sera.

Chega-Lega verso l'adesione ai Patrioti per l'Europa

Anche l'estrema destra italiana della Lega sembra flirtare con il nuovo gruppo, stando ai commenti del suo leader Matteo Salvini.

"Stiamo valutando tutti i documenti, ma credo che formare un grande gruppo che aspiri a essere il terzo del Parlamento europeo possa essere la strada giusta da percorrere", ha detto Salvini ieri in un programma radiofonico.**

Sia Chega! che Lega siedono attualmente con il gruppo nazionalista Identità e Democrazia (Id), il quinto più grande del Parlamento, la cui attuale coorte di 58 eurodeputati è dominata da 30 del Rassemblement national di Marine Le Pen.

Ma l'adesione di italiani e portoghesi non renderebbe i Patrioti un gruppo formale - il meccanismo con cui vengono distribuiti denaro e influenza nel Parlamento europeo.

Con dieci eurodeputati di Fidesz, sette di Ano, sei di Fpö, due di Chega! e potenzialmente otto della Lega, potrebbero iniziare con 33 eurodeputati, al di sopra della soglia di 25 stabilita dalle regole del Parlamento europeo.

Ma mancherebbero ancora due Paesi al requisito di ospitare gli eurodeputati di sette membri dell'Ue e dovrebbero anche dimostrare di condividere la stessa affinità politica.

"Altri quattro o cinque giorni e molte persone saranno sorprese", ha detto il primo ministro ungherese nella sua intervista, prevedendo che il gruppo "diventerà molto rapidamente il terzo e poi il secondo gruppo più grande" nella Camera dell'Ue.

Quali sono i prossimi partiti che potrebbero aderire ai Patrioti per l'Europa

Altri partiti di estrema destra e conservatori stanno osservando, ma non si impegnano. Il punto di svolta per i Patrioti di Orbán sarebbe convincere il partito polacco Diritto e giustizia (Pis) a lasciare il gruppo dei Conservatori e riformisti europei (Ecr), dove condividono la leadership con Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni. La riunione del gruppo costitutivo dell'Ecr è stata rinviata a questa settimana in seguito a negoziati interni, proprio mentre iniziavano a diffondersi le voci di un tentativo di Orbán di unire i partiti nazionalisti.

La perdita dei venti eurodeputati polacchi indebolirebbe gravemente l'Ecr, attualmente il terzo più grande del Parlamento, e ostacolerebbe l'influenza della Meloni in vista di un voto chiave per la riconferma di Ursula von der Leyen a capo della Commissione europea.

Il gruppo dei patrioti potrebbe avere un impatto ancora maggiore sul gruppo dell'Id. Se l'olandese Geert Wilders porta i suoi sei eurodeputati dall'Id ai Patrioti, il Vlaams Belang belga potrebbe seguirlo.

PUBBLICITÀ

Gerolf Annemans, l'eurodeputato più influente del Vlaams Belang, ha dimostrato di osservare da vicino quando ha condiviso l'annuncio di Orbán sui social media. C'è anche Alternativa per la Germania (AfD), i cui 15 legislatori dell'Ue sono attualmente sospesi dall'Id e che, secondo fonti parlamentari, è stata in contatto con i Patrioti.

Anche senza il Pis, un gruppo di Patrioti integrato da Germania, Paesi Bassi e Belgio potrebbe tentare di diventare il terzo gruppo più grande nella camera dell'Ue e forse anche costringere Le Pen, attualmente distratta dalla prospettiva di una vittoria alle elezioni francesi, ad aderire.

Non tutti gli eurodeputati indipendenti potrebbero però essere interessati. Secondo quanto riferito, il partito slovacco Smer è vicino a rientrare nel gruppo socialista, mentre il Movimento cinque stelle italiano ha una traiettoria politica diversa, oltre a un battibecco di lunga data con la Lega. Altri, come il piccolo gruppo spagnolo anti-establishment The Party's Over, guidato dalla personalità dei social media Alvise Pérez, potrebbero ancora essere convinti.

I Patrioti saranno una sfida per la coppia Meloni-Le Pen

La competizione riflette le tensioni tra i partiti di estrema destra europei. Orbán ha attualmente un numero di europarlamentari inferiore a quello della Meloni o di Le Pen, e questa è un'occasione per guadagnare influenza e presentarsi come il padre fondatore di una nuova alleanza di estrema destra.

PUBBLICITÀ

Le riunioni costitutive di Id e Ecr sono state rinviate, ma il tempo stringe: la scadenza per la formazione dei gruppi è giovedì prossimo (4 luglio). Questo termine è normalmente considerato cruciale, poiché le dimensioni del gruppo determinano l'accesso a posizioni chiave all'interno della struttura del Parlamento.

Resta da vedere se questo ragionamento sia ancora valido, visto che il cordone sanitario blocca in pratica l'estrema destra da molti posti influenti.

Alcune delegazioni nazionali dei partiti europei, tra cui il Pis, avrebbero presentato una richiesta di proroga della scadenza all'8 luglio. Una fonte del gruppo di estrema destra Id ha confermato a Euronews di aver chiesto di posticipare la riunione costitutiva, inizialmente prevista per domani (3 luglio).

Nell'intervista televisiva di lunedì, Viktor Orbán ha dichiarato che il suo gruppo patriottico terrà la riunione costitutiva lunedì prossimo (8 luglio), oltre la scadenza ufficiale del Parlamento.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Patrioti d'Europa, annunciata Alleanza di destra radicale per creare gruppo al Parlamento europeo

Come si dividerà la destra radicale al Parlamento europeo?

Polonia, il Parlamento dice no alla depenalizzazione dell'aborto