EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché l'estrema destra sta guadagnando popolarità tra i giovani

Jordan Bardella, presidente dell'estrema destra National Rally, lascia la sede del partito, lunedì 10 giugno 2024 a Parigi.
Jordan Bardella, presidente dell'estrema destra National Rally, lascia la sede del partito, lunedì 10 giugno 2024 a Parigi. Diritti d'autore Thomas Padilla/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Thomas Padilla/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Pilar Montero Lopez
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La percezione dell'inefficacia dei partiti tradizionali spinge sempre più le giovani generazioni a dare fiducia ai messaggi reazionari dei partiti estremisti

PUBBLICITÀ

Il Parlamento europeo si sta spostando più a destra e, se i risultati sono credibili, anche le nuove generazioni di elettori europei.

Sia il gruppo di estrema destra Identità e Democrazia (Id) che i Conservatori e Riformisti Europei (Ecr) sono destinati a esercitare una maggiore influenza nei prossimi cinque anni nel Parlamento europeo, dopo aver aggiunto rispettivamente nove e sette seggi alle loro liste in seguito alle elezioni europeetenutesi all'inizio del mese di giugno.

I dati del think tank ThinkYouth indicano che i giovani hanno avuto un ruolo importante in questo risultato. Il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) si è assicurato una grande fetta di voti giovanili, mentre circa un terzo dei giovani ha votato per il partito di estrema destra Rassemblement National (Rn) in Francia e per il partito Confederazione Libertà e Indipendenza in Polonia, dove anche il partito ultraconservatore Diritto e Giustizia si è assicurato il 16% di questo gruppo demografico chiave.

"Sbarazzarsi dei tecnocrati", tornare a un'"Europa delle nazioni", ridurre l'immigrazione e indebolire i partiti tradizionali "inefficaci e corrotti" sono alcuni degli argomenti portati dai giovani che hanno dato il loro voto ai partiti di estrema destra o ultranazionalisti.

Un trampolino di lancio verso la politica nazionale

Ora Enzo Alias, un giovane sostenitore del Rassemblement National, spera che il partito di Marine Le Pen "faccia la storia" nelle prossime elezioni legislative lampo in Francia e "si imponga come prima forza politica in Francia".

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sciolto l'assemblea nazionale e ha indetto queste elezioni dopo che il suo partito centrista Renaissance ha subito un duro colpo alle elezioni europee, arrivando molto lontano dal Rn che ha ottenuto oltre il 31 per cento dei voti.

Per Alias, che è anche presidente dell'organizzazione giovanile Patriots Network, i cui membri sono legati a partiti populisti di estrema destra o di destra di tutto il mondo, i risultati di Rn alle elezioni europee confermano che il partito "è sempre stato molto popolare tra i giovani" e che è stato in grado di catturare il segmento che aspira a una Francia "conservatrice, patriottica e orientata alla sicurezza".

A Euronews ha detto che RN dovrebbe lavorare per "riformare completamente l'Unione europea e mettere fuori gioco i tecnocrati per tornare a un'Europa delle nazioni che rispetti la sovranità di ogni nazione".

"Sono impegnato nelle idee del partito perché sono un patriota che non può più sopportare di vedere il proprio Paese affondare senza che il nostro governo intervenga o chiuda un occhio sul suo destino", ha aggiunto.

Anche Signe Vedersø Keldorff, presidente dell'ala giovanile del Partito Popolare Danese, nazionalista e populista di destra, ritiene che l'Ue debba "rimanere fuori dalla vita quotidiana dei danesi".

Il suo partito, guidato da Morten Messerschmidt, è diventato la seconda forza politica in Danimarca nel 2015, poi ha perso popolarità, ma Vedersø spera che i risultati favorevoli ottenuti da Id e Ecr possano contribuire a invertire questa tendenza.

"Molte persone ci vedono come un partito estremista", dice a Euronews, "ma credo che siamo fraintesi perché vogliamo solo una politica sicura per la Danimarca".

L'argomento corruzione

Il nuovo arrivato in Spagna, 'La festa è finita' (Se acabó la fiesta, Salf), un movimento radicale anti-sistema, è riuscito ad ottenere due seggi al Parlamento europeo con la lotta alla corruzione politica come unica vera proposta elettorale.

Il suo leader, Alvise Pérez, si presenta come un agitatore che promette di mettere in palio l'intero stipendio da europarlamentare se riuscirà a scuotere i politici che "vivono dell'impunità del furto". Attraverso il suo canale Telegram, è riuscito a entrare in contatto con un elettorato giovane ed euroscettico.

È il caso di I.R.L., un 29enne per il quale Pérez "offre un'alternativa fresca e diretta ai partiti tradizionali, che si sono dimostrati inefficaci e corrotti". Inoltre, ha dichiarato l'elettore a Euronews, la sua presenza sui social network ha creato un legame diretto con questa generazione, che è stanca di promesse vuote e vuole vedere azioni concrete.

PUBBLICITÀ

La sfiducia di questo giovane verso l'Ue è dovuta alla sua "eccessiva burocrazia" e alla sua incapacità di "proteggere gli interessi dei cittadini spagnoli".

Al contrario, vede nell'approccio diretto di Pérez "ciò di cui abbiamo bisogno per realizzare un vero cambiamento e compiere i primi passi per migliorare l'economia spagnola" e spera che la sua presenza al Parlamento europeo sia il trampolino di lancio per un "solido approdo di Salf alle elezioni generali in Spagna nel 2027".

Controcultura di destra

I giovani sono attratti da "un leader carismatico" e da una "comunicazione innovativa", soprattutto sui social network dove mostrano "il coraggio di rompere con il politicamente corretto", afferma Rita Matias, presidente dell'ala giovanile del partito di estrema destra portoghese Chega!.

Questo partito è salito al terzo posto nelle ultime elezioni portoghesi di marzo, passando da 12 a 50 deputati e assicurandosi un quarto dei voti tra i 18 e i 34 anni, secondo un sondaggio dell'ISCTE. In queste elezioni europee, Chega! ha ottenuto due seggi, un confronto "disonesto", sostiene Matias, eletto deputato europeo, "perché i portoghesi non si sentono affatto rappresentati dalle istituzioni europee".

PUBBLICITÀ

Solo il 34,5 per cento degli elettori portoghesi ha partecipato alle elezioni europee. Secondo il 25enne, le nuove generazioni vedono che "la controcultura è sempre più a destra", dove "c'è una rottura con il pensiero unico" e si può dire "quello che tutti pensano, ma che non dicono per essere socialmente accettati".

Mancanza di rappresentanza giovanile nelle istituzioni

Per María Rodríguez Alcázar, presidente dell'associazione no-profit European Youth Forum, la popolarità di questi partiti sta aumentando a causa della "percezione che i partiti politici tradizionali falliscono e non fanno abbastanza per migliorare le nostre vite". Inoltre, sfruttano la convinzione che l'Ue sia un'entità distante che non si preoccupa delle preoccupazioni quotidiane dei cittadini.

"I partiti di estrema destra non offrono soluzioni, ma mettono sul tavolo i problemi", afferma l'autrice. "In questo gioco, i partiti europeisti hanno l'impegno di spiegare ai giovani come funzionano le istituzioni, per attirarli verso la democrazia". PerEuropean Youth Forum, un modo per raggiungere questo obiettivo è una migliore rappresentanza dei giovani nelle istituzioni politiche.

Infelicità e alti livelli di ansia

"I giovani di oggi sono più infelici rispetto alle generazioni precedenti", a causa della percezione che "i partiti tradizionali non sono riusciti a realizzare i loro obiettivi sulle questioni sociali", spiega a Euronews Andrea Gerosa, fondatore del think tank Think Young. Questo spiega in parte perché "sono disposti a cercare soluzioni alternative".

PUBBLICITÀ

"In tutti gli Stati membri dell'Ue, più di sette su dieci sono preoccupati per il costo della vita; l'82 per cento è preoccupato per la minaccia della povertà e della disuguaglianza", afferma inoltre, citando l'Eurobarometro d'autunno 2022 del Parlamento europeo. Questi dati "spiegano perché i giovani incanalano queste stesse preoccupazioni attraverso alternative di estrema destra".

Gerosa ritiene che i giovani europei si siano sentiti esclusi dalla pandemia della COVID-19. Vede anche una correlazione tra gli alti livelli di ansia e lo spostamento ideologico a destra.

"In Francia, ad esempio, dove è stata osservata una tendenza significativa verso destra, il 32 per cento dei giovani si dichiara ansioso, con il potere d'acquisto e la salute tra le questioni che li preoccupano maggiormente". Questo li rende "attratti dai discorsi populisti di cambiamento e dalle promesse di rovesciare lo status quo".

Campagne sui social media che colpiscono nel segno

"Combinando messaggi di forte impatto con strategie di campagna mirate si può creare una forte base di sostenitori, a prescindere dalle incongruenze fattuali", spiega Gerosa. La campagna anti-immigrazione e anti-corruzione di Perez su Instagram e Telegram, in cui "la messaggistica ha prevalso sulle informazioni veritiere", ne è un chiaro esempio.

PUBBLICITÀ

Ma il partito di estrema destra che meglio ha saputo rivolgersi strategicamente ai giovani, secondo l'esperto, è Alternativa per la Germania.

Etichettato come il "partito di TikTok", ha colpito "i giovani elettori con messaggi facili da capire ed emotivi" e ora "raggiunge su TikTok tanti giovani tedeschi quanti tutti gli altri partiti messi insieme", afferma Gerosa.

Think Young ritiene che uno dei modi efficaci per sfidare i discorsi estremisti e populisti sia quello di sviluppare programmi per incoraggiare e promuovere il pensiero critico e l'alfabetizzazione digitale tra i giovani.

"L'idea che i giovani europei siano diventati reazionari è forse troppo avanzata al momento. Per ora, è meglio prendere questo dato come un campanello d'allarme che i giovani di tutta Europa credono che i partiti tradizionali non stiano fornendo risposte e soluzioni sufficientemente valide ai loro problemi".

PUBBLICITÀ

"Se le principali questioni che interessano i giovani possono essere stabilizzate, non c'è motivo di pensare che i discorsi estremisti saranno il nuovo status quo", conclude Gerosa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quasi 5mila persone marciano a Bruxelles per protestare contro l'ascesa della destra

Europee, i partiti populisti e di estrema destra cercano il voto dei giovani con i social media

Chi è Keir Starmer, il prossimo primo ministro del Regno Unito