EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Danimarca, colpo di frusta per Frederiksen dopo l'aggressione

Frederiksen durante una conferenza
Frederiksen durante una conferenza Diritti d'autore Jeremias Gonzalez/AP
Diritti d'autore Jeremias Gonzalez/AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sta bene la prima ministra danese aggredita da un uomo venerdì in centro a Copenaghen. Molti i messaggi di cordoglio da parte di politici danese e da quelli internazionali

PUBBLICITÀ

Vittima di un'aggressione venerdì sera a Copenaghen da parte di un uomo la prima ministra danese Mette Frederiksen ha subito un "leggero colpo di frusta", ma sta bene. Lo ha fatto sapere l'ufficio stampa del governo danese.

Frederiksen è stata portata in ospedale per accertamenti poco dopo l'aggressione. Sebbene non abbia riportato ferite, il suo ufficio ha dichiarato che l'incidente l'ha colpita duramente e ha cancellato tutti gli appuntamenti della giornata per riposare.

Un uomo di 39 anni è stato arrestato ed è comparso all'udienza di detenzione presso il tribunale distrettuale di Copenaghen a Frederiksberg sabato pomeriggio. Citando i dettagli dell'udienza, l'emittente pubblica danese DR ha riferito che l'uomo è un cittadino polacco che vive in Danimarca dal 2019. Il giudice ha ordinato la custodia cautelare fino al 20 giugno. L'uomo è accusato di violenza contro una persona in servizio pubblico.

Secondo DR, la polizia ha dichiarato che l'uomo era “probabilmente sotto l'effetto di droghe e ubriaco” al momento dell'incidente.

Cosa è successo a Frederiksen

I dettagli dell'incidente non sono ancora chiari, ma i media locali hanno riferito che l'uomo si sarebbe avvicinato violentemente alla Frederiksen e l'avrebbe spintonata mentre attraversava Kultorvet, una delle piazze principali di Copenaghen. Secondo le prime indagini, la polizia ritiene che il sospetto abbia colpitola premier con un pugno chiuso sul braccio destro superiore. Il giudice ha detto in udienza che tutto indicava che l'uomo sapeva che la persona che aveva attaccato era la prima ministra danese.

La polizia era inizialmente giunta alla conclusione che l'uomo potesse nutrire rancore nei confronti di Frederiksen. Tuttavia, il sospetto ha negato questa valutazione durante l'udienza di sabato e ha invece elogiato la donna come “un'ottima prima ministra”, ha riferito DR. La polizia continuerà a indagare sul movente del reato dell'uomo.

I messaggi di cordoglio per Frederiksen

I politici del Paese scandinavo e dell'estero hanno condannato l'attacco.

Il Segretario Generale della Nato Jens Stoltenberg si è detto scioccato per quanto accaduto a Frederiksen, che ha definito un amico. “Gli alleati della Nato sono uniti per proteggere i nostri valori, la libertà, la democrazia e lo Stato di diritto”, ha scritto Stoltenberg su X sabato.

Il primo ministro svedese Ulf Kristersson ha dichiarato che “un attacco a un politico democraticamente eletto è anche ‘un attacco alla nostra democrazia’”. Il primo ministro finlandese Petteri Orpo ha dichiarato di condannare fermamente “tutte le forme di violenza contro i leader democraticamente eletti delle nostre società libere”.

Frederiksen stava facendo campagna elettorale con la candidata dei socialdemocratici all'Unione Europea, Christel Schaldemose. Secondo i media, l'attacco non era collegato a un evento di campagna elettorale. "L’aggressione al Primo Ministro danese Mette Frederiksen è un intollerabile atto di violenza che rappresenta un attacco al cuore dei valori democratici. Alla collega Mette tutta la mia solidarietà", ha scritto la premier italiana Giorgia Meloni.

Gli attacchi ai politici sono rari in Danimarca

Il 23 marzo 2003, due attivisti hanno lanciato vernice rossa contro l'allora primo ministro Anders Fogh Rasmussen in parlamento e sono stati immediatamente arrestati. Anche il ministro degli Esteri Per Stig Møller è stato colpito con lo spray quel giorno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina e Moldova avviano colloqui formali di adesione con l'Unione europea

Polonia, nuova campagna di reclutamento per l'esercito: la paura di un'eventuale aggressione russa

Ue: Meloni incontra il suo "importante partner" Viktor Orbán