EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione stabilizzata a Kharkiv", ma Mosca è avanzata di 10 km

Khrystyna Pyimak abbraccia sua madre Oksana Velychko dopo l'evacuazione da Vovchansk, Ucraina, 12 maggio 2024
Khrystyna Pyimak abbraccia sua madre Oksana Velychko dopo l'evacuazione da Vovchansk, Ucraina, 12 maggio 2024 Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con la nuova pesante offensiva nella regione nordorientale di Kharkiv dal 9 maggio la Russia si è impadronita di 278 chilometri quadrati

PUBBLICITÀ

Le forze russe sono avanzate di 10 chilometri nella regione nordorientale ucraina di Kharkiv, vittima da giorni di una nuova pesante offensiva di Mosca, ma la situazione si è “stabilizzata” a partire da venerdì. Lo ha dichiarato venerdì mattina ai giornalisti il presidente ucraino Volodymyr Zelensky: "Oggi le nostre forze di difesa hanno stabilizzato i russi dove si trovano ora. Il punto più profondo della loro avanzata è di 10 chilometri". 

Già giovedì Kiev aveva dichiarato di stare cercando di "stabilizzare" la linea del fronte nella regione. Secondo i dati forniti dall'Institute for the study of the war (Isw), dal 9 maggio Mosca si è impadronita di 278 chilometri quadrati, il più grande guadagno territoriale in una singola operazione dalla metà del dicembre 2022. 

Secondo il presidente russo Vladimir Putin, l'operazione a Kharkiv è servita a creare una "fascia di sicurezza" in Ucraina per fermare gli attacchi di Kiev sulla regione russa di Belgorod.

Un alto funzionario Nato non crede che l'offensiva russa sarà un punto di svolta

Il comandante supremo alleato in Europa per la Nato, Christopher Cavoli, ha detto che in questo momento le forze ucraine "stanno ricevendo grandi quantità di munizioni, grandi quantità di sistemi di difesa aerea a corto raggio e quantità significative di veicoli blindati".

In ogni caso, secondo l'alto funzionario, la Russia non ha forze sufficienti sul terreno per dare veramente una svolta importante al conflitto dopo questa avanzata. "Più che altro non hanno le competenze e le capacità per farlo. Sono stato in stretto contatto con i nostri colleghi ucraini e sono fiducioso che manterranno la linea", ha detto il generale statunitense.

Altri analisti sono più dubbiosi sulle capacità di difendersi dell'Ucraina, che era stata avvertita dall'intelligence occidentale sull'imminente operazione russa nella regione di Kharkiv. 

Tuttavia, ci sono anche spiegazioni sul perché le forze ucraine hanno arretrato: "È un suicidio per l'Ucraina avere la sua principale linea di difesa al confine, dove i russi possono colpire con l'artiglieria e con le bombe a volo radente e gli ucraini non hanno a disposizione armi per rispondere a causa delle restrizioni degli Stati Uniti”, ha dichiarato George Barros, analista dell'Isw. Di conseguenza, le forze russe sono state in grado di ammassarsi oltre il confine in uno spazio relativamente sicuro, per poi mobilitarsi in una “zona grigia” dell'Ucraina, poco popolata.

Kiev accusa Mosca di utilizzare i civili di Vovchansk come "scudi umani"

Kiev ha accusato Mosca di aver catturato e ucciso civili nella città di confine di Vovchansk e di aver tenuto prigioniere una quarantina di persone per utilizzarle come "scudi umani". "Secondo le informazioni operative i militari russi, nel tentativo di prendere piede nella città, non hanno permesso ai residenti locali di evacuare”, ha dichiarato il ministro degli Interni Igor Klymenko. “Hanno iniziato a rapire le persone e a portarle nei  rifugi sotterranei”.

Sergiy Bolvinov, capo del dipartimento investigativo della polizia della regione di Kharkiv, ha detto che “i russi li tengono in un posto e li usano come scudo umano, dato che il loro quartier generale si trova nelle vicinanze”. Mosca non ha commentato. 

Le forze ucraine hanno dichiarato di aver abbattuto tutti i venti droni lanciati dalla Russia in un attacco notturno. I droni sono stati abbattuti sopra le regioni di Kharkiv, Poltava, Vinnytsia, Odesa e Mykolaiv. 

Il sindaco della città di Kharkiv, Ihor Terekhov, ha riferito di quattro esplosioni, scrivendo su Telegram che uno dei colpi ha causato un incendio. Il governatore regionale Oleh Syniehubov ha dichiarato sempre su Telegram che l'attacco ha danneggiato cinque edifici, uno dei quali appartenente all'amministrazione distrettuale. 

L'Ucraina risponde all'offensiva russa con massicci attacchi con droni

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le difese aeree hanno abbattuto 51 droni ucraini sulla Crimea, altri 44 sulla regione di Krasnodar e sei sulla regione di Belgorod. Secondo quanto riportato dall'Associated press, gli aerei da guerra e le motovedette russe hanno distrutto anche sei droni marini nel Mar Nero. 

Il massiccio attacco, come riferito dal governatore di Sebastopoli, base principale della flotta russa in Crimea, ha danneggiato la centrale elettrica della città, causando l'interruzione della corrente. Mikhail Razvozhayev ha anche dichiarato che le scuole saranno temporaneamente chiuse

Diverse immagini satellitari ottenute dai media internazionali mostrano come mercoledì un altro attacco sulla base aerea di Belbek, sempre a Sebastopoli, ha distrutto uno o più aerei da guerra e diverse infrastrutture.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Zelensky in visita a Kharkiv

Guerra in Ucraina, Zelensky a Kharkiv: "Situazione difficile", l'avanzata russa procede

Guerra in Ucraina: Kiev attacca regioni russe ma le truppe si ritirano da postazioni a Kharkiv