EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Attacco a Robert Fico: gli errori commessi dalle guardie del corpo del premier slovacco

Nastro della polizia all'ospedale di Banská Bystrica
Nastro della polizia all'ospedale di Banská Bystrica Diritti d'autore Erdős Dénes/AP
Diritti d'autore Erdős Dénes/AP
Di Magyar Ádám
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in ceco

Quali errori sono stati commessi dalle guardie del corpo del premier durante l'aggressione? Un esperto spiega a Euronews perché il secondo proiettile doveva colpire un agente e non Fico

PUBBLICITÀ

La squadra di sicurezza di Robert Fico ha commesso gravi errori durante l'attentato di mercoledì al premier slovacco. Il dottor J. Ervin Kis, esperto di questioni di sicurezza personale, ha spiegato a Euronews cosa è andato storto analizzando il filmato dell'attentato.

Robert Fico környezete pillanatokkal a lövések előtt
Robert Fico környezete pillanatokkal a lövések előttRtv

Nella prima immagine vediamo che Fico, contrassegnato da una freccia rossa, non è circondato dalle sue guardie del corpo in stretta copertura, ma la più vicina è a un buon metro di distanza. Il problema maggiore è a sinistra, dove le guardie del corpo sono ancora più lontane. I colpi provengono da destra e, poiché a sinistra non c'è nessuno a proteggere Fico, quest'ultimo cade a terra senza ostacoli.

Le guardie del corpo non hanno tenuto conto che poteva esserci più di un assassino

Secondo l'esperto, il primo colpo è quasi impossibile da deviare in queste situazioni, ma il secondo avrebbe dovuto essere assorbito dal corpo di una delle guardie del corpo. Ma i difensori di Fico hanno reagito pochi secondi dopo, e non bene.

Fico már a földre rogyva
Fico már a földre rogyvaRtv

Pochi istanti dopo, Fico era già crollato a terra per gli spari, ma a questo punto non era ancora coperto dalle sue guardie del corpo. Gli uomini a destra nella foto qui sopra erano impegnati a disarmare l'aggressore, il che va bene secondo Kis, anche se sono arrivati in ritardo sulla scena. Tuttavia, le guardie del corpo vicine a Fico non lo stanno coprendo con i loro corpi. Questo avrebbe potuto essere un problema maggiore se ci fosse stato più di un assalitore, perché avrebbe potuto sparare colpi mirati al primo ministro.

Kis spiega che la squadra di guardie del corponon era adeguatamente preparata, anche se c'erano segni di un attacco, e lo stesso Fico ha detto che non si poteva escludere un tentativo di assassinio.

“Lo scorso 24 aprile, l'aggressore ha gridato ad alta voce contro Fico durante una manifestazione. Quindi, se l'intelligence avesse identificato l'uomo in una folla di 30 persone, questa persona sarebbe potuta essere facilmente bloccata".

Dopo l'attacco, anche l'ex capo della polizia slovacca Štefan Hamran ha dichiarato che la sicurezza è venuta meno e che al momento dell'attacco regnava il caos

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Slovacchia, primo ministro Fico si sveglia dal coma: colloquio con il presidente Pellegrini

Fico, attentato politico: la Slovacchia "rischia la guerra civile" secondo ministro della Difesa

Euro 2024: vincono Austria e Ucraina, pari tra Paesi Bassi e Francia