EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Chi è Robert Fico: dal suo ingresso in politica all'attentato che lo ha lasciato in pericolo di vita

Il premier slovacco Robert Fico
Il premier slovacco Robert Fico Diritti d'autore Radovan Stoklasa/AP
Diritti d'autore Radovan Stoklasa/AP
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il 59 enne Robert Fico, primo ministro della Slovacchia, inizia la sua attività politica nel 1992. Durante una carriera fatta di molti alti e bassi, il leader di Smer ottiene numerosi consensi, ma anche molte critiche fino all'attentato che lo ha lasciato tra la vita e la morte

PUBBLICITÀ

Il primo ministro slovacco Robert Fico è in pericolo di vita dopo essere stato ferito in un attentato al termine di un evento politico mercoledì. Il leader slovacco è stato trasportato d'urgenza presso un presidio ospedaliero della Slovacchia dopo essere stato colpito da almeno tre colpi di arma da fuoco al torace.

Il 59 enne Fico è nato nell'allora Cecoslovacchia nel 1964. Membro del Partito Comunista prima della dissoluzione del comunismo, si è laureato in legge nel 1986 a Bratislava ed è stato eletto per la prima volta al Parlamento slovacco nel 1992 come membro del Partito della Sinistra Democratica.

Negli anni '90 ha lavorato per diversi anni come agente governativo in rappresentanza della Repubblica Slovacca presso la Corte europea dei diritti dell'uomo e la Commissione europea dei diritti dell'uomo. 

Nel 1999 ha fondato il partito Smer (Direzione - Socialdemocrazia), e da allora ne resta una figura chiave. Fico col suo partito sono stati spesso descritti come appartenenti alla sinistra-populista, sebbene spesso sia anche stato paragonato a politici di destra come il vicino Viktor Orbán, premier dell'Ungheria.

Robert Fico (destra) discute con Viktor Orban (sinistra) a Bruxelles, 01 febbraio 2024
Robert Fico (destra) discute con Viktor Orban (sinistra) a Bruxelles, 01 febbraio 2024Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Robert Fico parla durante una conferenza stampa con il primo ministro ungherese Viktor Orban in Ungheria, 16 gennaio 2024
Robert Fico parla durante una conferenza stampa con il primo ministro ungherese Viktor Orban in Ungheria, 16 gennaio 2024Denes Erdos/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Fico è stato Primo ministro della Slovacchia per tre mandati, i primi due dal 2006 al 2010 e di nuovo dal 2012 al 2018. Il suo terzo mandato lo ha reso il capo di governo più longevo nella storia della Slovacchia.

Dopo cinque anni di opposizione, l'anno scorso il partito di Fico ha vinto le elezioni parlamentari con premesse filo-russe e anti-americane. Durante la campagna elettorale Fico ha promesso di porre fine al sostegno militare all'Ucraina. Il leader slovacco ha accusato la Nato e gli Stati Uniti di aver provocato la Russia.

All'indomani della vittoria elettorale, il nuovo governo ha interrotto le forniture di armi all'Ucraina. Migliaia di persone sono scese in piazza in tutta la Slovacchia per manifestare contro la linea filorussa di Fico e altre sue posizioni, tra cui il progetto di modificare il codice penale per eliminare un procuratore speciale anti-frode e assumere il controllo dei media pubblici.

Robert Fico incontra Valdimir Putin al Cremlino, Mosca, Russia, 25 agosto 2016
Robert Fico incontra Valdimir Putin al Cremlino, Mosca, Russia, 25 agosto 2016Alexander Zemlianichenko/AP

Il ritorno al potere di Fico ha suscitato la preoccupazione delle opposizioni. Col suo partito Smer - da tempo macchiato da scandali - Fico avrebbero portato la Slovacchia lontana dal suo percorso filo-occidentale. Il leader ha giurato di perseguire una politica estera "sovrana" e ha promesso una posizione dura contro l'immigrazione e le organizzazioni non governative. Fico ha anche fatto campagna contro i diritti LGBTQ+.

Si è guadagnato una reputazione negativa per le sue invettive contro i giornalisti e nel 2022 ha dovuto affrontare accuse penali per presunta formazione di un gruppo criminale e per abuso di potere. Durante il suo secondo mandato, nel 2018, lui e alcuni politici sono dimessi e il governo è stato sciolto tra le polemiche dopo che il giornalista investigativo slovacco Ján Kuciak è stato assassinato insieme alla sua fidanzata. Kuciak aveva portato alla luce reati fiscali che coinvolgevano politici slovacchi di alto livello.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentato a Robert Fico, le condanne dei leader europei e mondiali

Slovacchia, Pellegrini presidente rafforza la linea pro Russia e anti-Ue di Fico

Slovacchia, in migliaia davanti al parlamento per dire no alla riforma penale di Fico