Spagna e Irlanda chiedono una "revisione urgente" dell'accordo Ue-Israele sulla guerra a Gaza

Lo spagnolo Pedro Sánchez (a sinistra) e l'irlandese Leo Varadkar (a destra) hanno firmato una lettera congiunta per chiedere una "revisione urgente" dell'Accordo di associazione UE-Israele.
Lo spagnolo Pedro Sánchez (a sinistra) e l'irlandese Leo Varadkar (a destra) hanno firmato una lettera congiunta per chiedere una "revisione urgente" dell'Accordo di associazione UE-Israele. Diritti d'autore Omar Havana/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Jorge Liboreiro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I primi ministri Pedro Sánchez e Leo Varadkar hanno chiesto alla Commissione europea di "intraprendere una revisione urgente" dell'accordo Ue-Israele alla luce della guerra a Gaza e del peggioramento della crisi umanitaria.

PUBBLICITÀ

In una lettera congiunta indirizzata a Ursula von der Leyen e inviata mercoledì mattina, Pedro Sánchez e Leo Varadkar sollevano serie preoccupazioni sulla campagna militare di Israele e sulle potenziali violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale, sottolineando la recente risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite e la sentenza della Corte internazionale di giustizia, che ha ritenuto che alcune delle azioni di Israele possano rappresentare una violazione della Convenzione sul genocidio.

Le voci più critiche nei confronti di Israele

Tra i 27 Stati membri del blocco, la Spagna e l'Irlanda, insieme al Belgio, sono considerate le voci più critiche nei confronti del governo di Benjamin Netanyahu e hanno sollecitato i piani di riconoscimento dello Stato di Palestina.

"Gli orrendi attacchi terroristici commessi da Hamas e da altri gruppi armati non giustificano e non possono giustificare alcuna violazione del diritto internazionale umanitario nella risposta militare, con le conseguenti conseguenze per la popolazione civile di Gaza", scrivono Sánchez e Varadkar.

"Abbiamo espresso chiaramente l'opinione che, per prevenire ulteriori danni irreversibili alla popolazione di Gaza, è urgentemente necessario un immediato cessate il fuoco umanitario".

I timori per l'attacco israeliano a Rafah

I due leader esprimono allarme per le notizie secondo cui Israele potrebbe presto lanciare un'operazione di terra a Rafah, la città di confine nel sud di Gaza dove si rifugiano più di un milione di civili. Il governo israeliano sostiene che Rafah è l'ultima roccaforte di Hamas, che ha giurato di smantellare in reazione agli attacchi del 7 ottobre.

Questa offensiva, dicono, causerà una "catastrofe umanitaria ancora più grande".

La guerra ha già ucciso più di 28.000 palestinesi, tra cui 12.000 bambini e 8.000 donne, secondo il ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas.

Israele rispetta i suoi obblighi?

"Chiediamo alla Commissione di verificare con urgenza se Israele stia rispettando i suoi obblighi, anche nell'ambito dell'Accordo di associazione Ue-Israele, che fa del rispetto dei diritti umani e dei principi democratici un elemento essenziale delle relazioni", affermano Sánchez e Varadkar.

Se la Commissione conclude che esiste una tale violazione, dovrebbe proporre "misure appropriate" che gli Stati membri dovrebbero prendere in considerazione, aggiungono, senza specificare quali.

"L'attuazione della soluzione dei due Stati è l'unico modo per garantire che questo ciclo di violenza non si ripeta. L'Ue ha la responsabilità di agire per renderla una realtà", concludono i premier. 

In risposta alla mossa congiunta, un portavoce della Commissione ha confermato che la lettera è stata ricevuta "pochi minuti fa" e ha rifiutato di commentare i possibili passi successivi.

"Esortiamo tutte le parti a rispettare il diritto internazionale e prendiamo atto della necessità di rendere conto delle violazioni del diritto internazionale", ha dichiarato il portavoce.

La protezione dei civili a Gaza

"L'Ue sottolinea costantemente l'importanza di garantire la protezione di tutti i civili e in ogni momento in linea con il diritto umanitario internazionale e deplora ogni perdita di vite civili. L'Ue continua a trasmettere questo messaggio in tutte le sue dichiarazioni ma anche a livello bilaterale nei suoi contatti con le autorità israeliane".

In vigore dal 2000, l'Accordo di associazione Ue-Israele è il principale strumento giuridico che regola le relazioni bilaterali tra i due partner e riguarda, tra l'altro, il dialogo politico, il commercio, la concorrenza, la tecnologia, la scienza, l'innovazione e la lotta contro l'antisemitismo, la xenofobia e il razzismo.

L'articolo 2 stabilisce che le relazioni "si basano sul rispetto dei diritti umani e dei principi democratici, che guidano la loro politica interna e internazionale e costituiscono un elemento essenziale del presente accordo".

Inoltre, Israele riceve circa 1,8 milioni di euro all'anno nell'ambito della Politica europea di vicinato del blocco ed è un Paese associato a Horizon Europe, il programma di ricerca faro dell'UE dotato di 95,5 miliardi di euro per il periodo 2021-2027.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tutti i Paesi dell'Ue, tranne l'Ungheria, chiedono un cessate il fuoco a Gaza

Spagna: i popolari vincono le elezioni in Galizia, peggior risultato per i socialisti

Antisemitismo e islamofobia: cosa succede alla Germania che guarda alla guerra Israele-Hamas