Irlanda: bocciati i referendum per cambiare la Costituzione su famiglia e ruolo della donna

schede referendum in Irlanda
schede referendum in Irlanda Diritti d'autore Damien Storan/AP
Diritti d'autore Damien Storan/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ancor prima della fine dello spoglio, il primo ministro Varadkar ha ammesso che i referendum sostenuti dal suo governo per modificare la Costituzione sono stati bocciati

PUBBLICITÀ

Il tentativo di "modernizzare" la Costituzione irlandese è fallito. Nel referendum sulla definizione della famiglia e del ruolo della donna, una grande maggioranza di elettori ha votato contro gli emendamenti proposti.

Poco dopo l'inizio dello spoglio, mentre collegio elettorale dopo collegio elettorale mostrava il suo netto rifiuto della legge, il primo ministro Leo Varadkar ha ammesso il fallimento dei due emendamenti costituzionali da lui sostenuti.

Varadkar, che aveva spinto il voto a sancire l'uguaglianza di genere nella Costituzione eliminando quella che ha definito "una formulazione molto antiquata" della Carta e cercando di riconoscere le realtà della vita familiare moderna, ha detto che è chiaro che gli emendamenti sono stati "respinti in modo completo con un'affluenza rispettabile". "Era nostra responsabilità convincere la maggioranza delle persone a votare sì e chiaramente non ci siamo riusciti", ha aggiunto il primo ministro.

Gli oppositori hanno sostenuto che la formulazione degli emendamenti è stata mal concepita, un'argomentazione che sembra aver guadagnato terreno negli ultimi giorni della campagna. Molti elettori si sono detti confusi dalle domande, mentre altri hanno detto di temere che le modifiche avrebbero avuto conseguenze indesiderate.

Le reazioni al fallimento del referendum in Irlanda

I politici, sia quelli del "Sì" che quelli del "No", vedono la colpa del fallimento principalmente in una mancanza di chiarezza sul significato degli emendamenti costituzionali e non in un rifiuto fondamentale degli emendamenti.

Anche se il 67 per cento dei "No" corrisponde all'incirca alla percentuale stimata di credenti cattolici, i politici concludono che la posizione conservatrice è solo una delle ragioni e  non la principale del fallimento del referendum.

Secondo i politici, il governo non è riuscito a dichiarare chiaramente le sue intenzioni e a rassicurare i cittadini che la sua decisione non avrebbe avuto conseguenze impreviste. "La maggior parte delle persone che hanno letto [le proposte] alla fine non ne avevano ancora idea", ha detto il senatore indipendente Michael McDowell, che ha fatto campagna a favore del "No".

"Pensavamo che la formulazione proposta fosse migliore di quella attualmente presente nella Costituzione. Ma la campagna del governo è stata davvero poco incisiva", ha lamentato Ivana Bacik, leader del partito laburista di opposizione, che ha fatto campagna per il "Sì".

Cosa prevedevano i referendum in Irlanda

Con il primo primo emendamento il governo irlandese puntava a concedere alle famiglie al di fuori del matrimonio, come le famiglie omosessuali, monoparentali o i conviventi lo stesso status garantito alle famiglie basate sul matrimonio. Agli elettori è stato chiesto di rimuovere il riferimento al matrimonio come base "su cui si fonda la famiglia" e di sostituirlo con una clausola che afferma che le famiglie possono essere fondate "sul matrimonio o su altre relazioni permanenti". Se adottato, questo sarebbe stato il 39esimo emendamento alla Costituzione.

La seconda proposta di emendamento costituzionale avrebbe eliminato il riferimento al fatto che il posto della donna in casa è un bene comune che non può essere fornito dallo Stato. Avrebbe anche eliminato un passaggio in cui si affermava che le madri non dovevano essere obbligate a lavorare per necessità economica se così facendo avrebbero trascurato i loro doveri a casa.

Inoltre, sarebbe stata aggiunta una clausola che affermava che lo Stato si sarebbe sforzato per sostenere "la cura reciproca dei membri della famiglia".

Siobhán Mullally, docente di diritto e direttore del Centro irlandese per i diritti umani dell'Università di Galway, ha criticato la scelta del giorno del voto, caduto nella Giornata internazionale della donna "È stato paternalistico da parte di Varadkar programmare il voto nella Giornata internazionale della donna, nella convinzione che i cittadini avrebbero colto l'occasione per eliminare il passaggio sulle donne come casalinghe. Il cosiddetto emendamento sull'assistenza non era poi così semplice", ha detto..

Il governo aveva proposto di sostituire entrambi i passaggi con una nuova formulazione che riconosceva il valore dell'assistenza domiciliare "da parte dei membri della famiglia", mentre lo Stato avrebbe dovuto "sforzarsi di sostenere questa assistenza basata sulla famiglia".

Gli oppositori erano allarmati per il fatto che l'assistenza familiare fosse de facto posta sulle spalle dei membri della famiglia e la parola "sforzarsi" peggiorava la situazione, dando l'impressione che lo Stato si stesse ritirando dal sostenere le famiglie, gli anziani, i disabili e i membri vulnerabili della società.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Doppio referendum costituzionale in Irlanda: voto su definizione di famiglia e ruolo della donna

Spagna e Irlanda chiedono una "revisione urgente" dell'accordo Ue-Israele sulla guerra a Gaza

Irlanda del Nord, Michelle O'Neill entra nella storia: prima ministra nazionalista